Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Chiari

Ucciso a 19 anni dalla malattia, prima di morire realizza il sogno più grande: diplomarsi

Lutto a Chiari e Rovato per la prematura scomparsa di Ahmed Braik, 19enne di origine marocchina. Nonostante da un paio d'anni lottasse contro un male incurabile, è riuscito a conseguire brillantemente il diploma di maturità

Un diploma che voleva più di ogni altra cosa: per questo ha lottato per ottenerlo prima che la terribile malattia diagnosticata qualche anno fa avesse la meglio. È morto due settimane dopo aver realizzato il suo grande sogno: passare l'esame di stato e diplomarsi in apparati, impianti e servizi tecnici industriali all'Istituto Gigli di Rovato.

Ahmed Braik se n'è andato domenica mattina: ucciso da un male incurabile a soli 19 anni e pochi giorni dopo aver festeggiato con amici e parenti il raggiungimento del traguardo più importate della sua breve vita. La notizia della  scomparsa ha gettato nello sconforto professori e studenti dell'istituto professionale e pure la comunità di Chiari, dove il giovane abitava insieme alla famiglia. Tra i tanti messaggi lasciati sui social per ricordarlo spicca quello del fratello maggiore. 

Il ricordo del fratello maggiore

"Tutti prima o poi se ne vanno, lui se ne è andato troppo presto, lasciando un vuoto incolmabile nei nostri cuori. Rimane solo il ricordo che lasciamo. Il mio fratellino a me e alla mia famiglia non poteva lasciare niente di meglio e se ne è andato con la nostra benedizione".

Ha lottato fino all'ultimo senza mai perdersi d'animo, come ricorda il fratello: "Era un ragazzo forte, si svegliava alle 3 di notte per studiare per l’esame di maturità nonostante tutte le sue difficoltà, aveva i suoi progetti per il futuro e i suoi sogni. Sorrideva sempre anche quando quel sorriso gli costava tanto dolore, solo per dirci 'tranquilli, finché voi mi state vicino io sarò forte e lotterò'”.

Non era solo Ahmed, nella lotta contro la malattia: molti docenti dell'istituto lo hanno aiutato e sostenuto in questi anni; in tanti lo hanno ricordato sulla pagina Facebook della scuola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucciso a 19 anni dalla malattia, prima di morire realizza il sogno più grande: diplomarsi

BresciaToday è in caricamento