Cronaca Agnosine

Si ritrovano per una festa di primavera, arrivano i carabinieri a controllare lo spiedo

Circa 150 persone ad Agnosine per la festa di primavera dei cacciatori locali: blitz dei carabinieri forestali a seguito di una segnalazione, tutto regolare. Lo sfogo dell'associazione lombarda

Spiedo bresciano senza pace: quasi 150 cacciatori in festa ad Agnosine, quando arrivano i carabinieri forestali. Questa volta, tutto regolare: i militari non hanno trovato niente fuori norma. Nel ricchissimo spiedo che ormai era quasi pronto (era quasi mezzogiorno) c'erano eccome gli uccellini: cesene, merli e tordi. Ma nessun esemplare proibito.

Tutto è bene quel che finisce bene, almeno stavolta: i militari sono intervenuti verso mezzodì, e hanno passato al setaccio le centinaia di prese di spiedo che stavano cuocendo ormai da ore. Il blitz al rifugio Bertagnolli, luogo di ritrovo annuale per la “festa di primavera” dei cacciatori e delle loro famiglie.

In tutto, a tavola che aspettavano di mangiare, c'erano più di 150 persone. I forestali si sarebbero mossi a seguito di una “soffiata”, di una segnalazione che però in questo caso non è stata per niente confermata, anzi. Forse qualche paesano invidioso, per non essere stato invitato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si ritrovano per una festa di primavera, arrivano i carabinieri a controllare lo spiedo

BresciaToday è in caricamento