Uccellini vivi intrappolati nelle reti: denunciato bracconiere bresciano

I bracconieri non si fermano neanche a Natale: bracconiere bresciano (pregiudicato) denunciato dalla Polizia Provinciale di Brescia

Un pettirosso imprigionato (Foto Polizia Provinciale)

Smascherato ad Agnosine un altro roccolatore abusivo: aveva allestito in pieno centro al paese una tesa di reti da uccellagione, a due passi dalla chiesa parrocchiale di Santa Maria Annunciata. Ma a cadere nella rete, fa sapere la Polizia Provinciale di Brescia, oltre a due pettirossi e un merlo, anche lo stesso bracconiere.

Si tratta di un pregiudicato di 67 anni che abita in paese: il blitz della Provinciale a seguito della segnalazione di una guardia volontaria. Nella successiva perquisizione domiciliare sono stati rinvenuti e sequestrati anche numerosi richiami vivi, detenuti illegalmente in casa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Appartenevano a specie considerate particolarmente protette: c'erano fringuelli e storni, ma anche lucherini e passere d'Italia. I richiami ancora in grado di volare sono stati immediatamente liberati. Il 67enne bresciano è stato invece inevitabilmente denunciato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte, gravissimi tre ragazzi: uno è stato sbalzato fuori dall'abitacolo

  • Lombardia, la nuova ordinanza: via la mascherina all'aperto

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

  • Ubriaco al volante dell'auto, scappa dalla polizia ma finisce la benzina

  • Coronavirus, nuova allerta: ragazzo positivo al grest, tamponi e isolamento per tutti

  • Bruttissimo infortunio in cascina: ragazzo rischia di perdere due dita

Torna su
BresciaToday è in caricamento