Cronaca

Cacciavite alla gola e poi le botte: ennesima aggressione in treno

Vittima dell’increscioso episodio la capotreno del convoglio partito da Milano e diretto a Cremona: l’aggressione sarebbe avvenuta alla stazione di Treviglio, già identificato uno dei due stranieri

Pare che la sfortunata capotreno abbia solamente chiesto loro il biglietto. La reazione è stata delle peggiori: prima le minacce, con un cacciavite utilizzato come coltello. Poi la mano sul colletto, spinte e strattoni, perfino un passeggero che cerca di difendere la donna aggredita, e che viene pestato a sangue direttamente sul convoglio.

Ma per i due giovani aggressori questa volta sarà difficile farla franca. Dei due picchiatori in fuga uno di loro sarebbe già stato fermato, e identificato: si tratterebbe di un giovane dominicano, senza documenti e probabilmente irregolare sul territorio italiano. Il complice potrebbe essere un suo connazionale.

L’aggressione è avvenuta venerdì pomeriggio, sul treno che alle 17.36 è partito da Milano Porta Garibaldi, diretto verso Cremona. Il capotreno di giornata, in questo caso una donna, sarebbe stata aggredita all’altezza della stazione di Treviglio, dove poi i due se la sarebbero data a gambe. Sarebbe stata proprio a riconoscere il primo aggressore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cacciavite alla gola e poi le botte: ennesima aggressione in treno

BresciaToday è in caricamento