Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Castrezzato

Calci e pugni a due muratori meridionali: «Ci rubate il lavoro»

Arrestato un 28enne

Raggiunto nella sua casa casa, i carabinieri hanno sfondato la porta d'ingresso e l'hanno arrestato. È finita così la serata di un 28enne di Castrezzato che, dopo aver aggredito verbalmente e fisicamente due muratori, è stato anche accusato di rapina. La notizia è riportata da PrimaBrescia

I fatti. Giovedì sera, nei pressi di piazza dell'Amicizia, A.N., classe 1994, residente in paese, ha avvicinato due muratori che attendevano di fare ritorno a casa ed ha iniziato a insultarli. Il motivo? La loro origine meridionale: «Siete venuti a rubarci il lavoro, andatevene!». 

Il 28enne non si è limitato agli insulti verbali, ed ha aggredito fisicamente uno dei due muratori, colpendolo con calci e pugni. Una volta gettato a terra il "rivale", il castrezzatese gli ha rubato il cellulare, prima di fuggire a piedi. Sul posto è arrivata l'ambulanza per soccorrere il ferito (trasportato in ospedale, la prognosi per i traumi riportati è di 10 giorni), assieme a due pattuglie dei carabinieri della stazione locale e di quella di Rudiano. Raccolte le testimonianze dei presenti, i militari si sono messi sulle tracce del 28enne, già conosciuto in paese per altri reati. 

Giunti all'esterno della sua abitazione, i carabinieri dopo essersi accertati che il 28enne era all'interno (lui non rispondeva, ma i militari hanno visto le luci spegnersi) sono stati costretti a sfondare la porta per arrestarlo. Al momento l'aggressore si trova in carcere, in attesa del processo. Il giudice per le indagini preliminari oltre alla custodia ha disposto la perizia psichiatrica. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calci e pugni a due muratori meridionali: «Ci rubate il lavoro»

BresciaToday è in caricamento