Cronaca

Suona il clacson a un'altra auto: bresciano in vacanza viene preso a schiaffi e pugni dal figlio di un politico

Un disabile di 65 anni residente in provincia è stato aggredito perché "si è permesso" di suonare il clacson ad un'auto sulla quale viaggiava il figlio di un noto politico. Il fatto è avvenuto a Senigallia.

Fonte: web
Un disabile inseguito, speronato in auto e poi aggredito per un futile motivo dal figlio di un noto politico: nessuna bufala, è tutto vero. La notizia, riportata da diversi quotidiani a tiratura nazionale, sta facendo il giro del web. Sfortunato protagonista un disabile 65enne residente nella nostra provincia.
 
Tutto è accaduto nel pomeriggio di mercoledì 19 luglio. Erano le 16 quando il 65enne, in vacanza con la moglie, per precauzione ha suonato il clacson per segnalare la sua presenza al guidatore di una Mercedes che stava uscendo in retromarcia da un passo carraio privato. Nella Mercedes viaggiava un 47enne, figlio di un politico romano, che ha reagito male considerando il clacson alla stregua di un affronto.

Dopo essersi immesso nella strada principale, l'uomo ha letteralmente inseguito il bresciano fino a che, sul lungomare, ha speronato la sua Bmw. Sotto gli occhi sbigottitidi turisti a passeggio e di altri viaggiatori, il 47enne ha prima schiaffeggiato il bresciano, e poi gli ha sferrato due pugni. A quel punto la moglie del nostro concittadino si è sentita male, e dei testimoni hanno chiamato l'ambulanza per i soccorsi. All'arrivo degli agenti di Polizia locale, non contento il romano si è rifiutato di fornire le proprie generalità, dunque si è reso necessario il supporto dei carabinieri per l’identificazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suona il clacson a un'altra auto: bresciano in vacanza viene preso a schiaffi e pugni dal figlio di un politico

BresciaToday è in caricamento