rotate-mobile
Cronaca Centro / Via Spalto San Marco, 20

Violenta aggressione: mani al collo di un agente, pugni a un altro

Due agenti sono stati portati in pronto soccorso

Rientrando dal cortile, senza alcun apparente motivo si sarebbe scagliato contro i poliziotti, andando in escandescenza e menando pugni a destra e a manca. È successo all'interno del carcere Nerio Fischione di Brescia, ex Canton Mombello, lo denuncia una nota del sindacato della polizia penitenziaria.

Due i poliziotti aggrediti, uno è stato strattonato e sbattuto contro il muro, poi il detenuto gli ha messo le mani al collo. Un altro è stato colpito con dei pugni. Intervenuto il Comandante di reparto, la situazione sembrava essersi calmata ma una volta accompagnato il detenuto in ambulatorio l'aggressione è ripresa ai danni anche dei medici presenti, raggiunti da insulti e sputi. Alla fine sono stati due gli agenti trasportati al Pronto Soccorso per le cure del caso.

Secondo quanto fa sapere il Coordinatore Regionale della Fp CGIL – Calogero Lo Presti – il detenuto sarebbe stato trasferito dal carcere di Bergamo cinque giorni fa in quanto
aveva pesantemente aggredito a testate una ispettrice della Polizia Penitenziaria. «Ancora una volta – commenta Lo Presti – a farne le spese sono i poliziotti che si trovano a gestire soggetti squilibrati e psichiatrici che evidentemente devono essere curati in appositi luoghi come le REMS (residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza). Non è possibile che quotidianamente poliziotti penitenziari vengono aggrediti, minacciati, insultati senza che le Istituzioni prendano dei seri provvedimenti. Le lavoratrici e i lavoratori della Polizia penitenziaria gridano a gran voce più garanzie, tutele e sicurezza nei posti di lavoro. La Fp CGIL, da sempre attenta e sensibile ai temi della sicurezza all’interno dei penitenziari, lancia un grido di allarme al Ministro della Giustizia ed al Capo del Governo  – conclude Lo Presti – affinché vengano adottati dei provvedimenti normativi a tutela dei poliziotti molto spesso lasciati da soli al loro destino».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenta aggressione: mani al collo di un agente, pugni a un altro

BresciaToday è in caricamento