Cronaca

Dal Congo a Brescia, Maria non vede l'ora di riabbracciare i fratelli

Il giornalista bresciano Fabrizio Vertua e la moglie Annalisa Roversi ancora aspettano che la vicenda sulle adozioni in Congo si sblocchi: la piccola Marie Benedicte, di soli 5 anni, non vede l'ora di riabbracciare i fratelli

Fabrizio e Annalisa con i bambini

Un’attesa che pare infinita, per riabbracciare la piccola Maria Benedicte. Un’adozione già formalmente compiuta, ma su cui pende uno ‘stop’ forzato da parte delle autorità del Congo, a causa di presunte irregolarità sulle adozioni da parte di famiglie americane e francesi.

La piccola ha solo 5 anni, e non vede l’ora di riabbracciare i suoi fratelli più grandi, Zaccaria e Claudio, di 6 e 7 anni, adottati qualche anno fa. Con loro aspettano anche i genitori, il giornalista bresciano Fabrizio Vertua e la moglie Annalisa Roversi: un’attesa snervante, ormai sono passati dei mesi.

Il ‘blocco’ sarebbe dovuto durare fino a settembre, poi l’ennesimo rinvio. Nel maggio scorso una ventina di famiglia aveva potuto finalmente riabbracciare i figli adottivi, atterrati all’aeroporto romano di Ciampino. Ora sono almeno un centinaio i bimbi che in Italia non possono rientrare.

La piccola Maria Benedicte intanto sembra cavarsela bene. Si trova a Casa Marisa, centro d’accoglienza d’ispirazione cattolica. Un bel posto dove stare, dove si mangia almeno due volte al giorno. Ancora, in attesa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Congo a Brescia, Maria non vede l'ora di riabbracciare i fratelli

BresciaToday è in caricamento