Cronaca

Fara Gera, fiume Adda: annegato 34enne dello Sri Lanka

L'uomo si è tuffato in una zona del fiume in cui la balneazione è assolutamente vietata

Si chiamava Indumil Prasan Paragaha Watthage il trentaquattrenne originario dello Sri Lanka e che abitava a Gorgonzola (Milano) annegato mercoledì pomeriggio nell'Adda a Fara Gera, in provincia di Bergamo.

L'immigrato era in compagnia di alcuni amici nel tratto in cui il fiume si incrocia con un canale artificiale, in un punto dove quest'estate si erano già registrate due analoghe tragedie.

Poco prima delle 13,30 Indumil si è tuffato nel fiume: pochi attimi dopo ha gridato "Aiuto, aiuto!" e i suoi amici gli hanno lanciato dalla riva un salvagente, essendo quel tratto di fiume attrezzato per i salvataggi benché la balneazione sia assolutamente vietata.


L'extracomunitario si è aggrappato alla ciambella galleggiante, ma ha poi perso la presa, scomparendo sott'acqua. Riemerso poco più a valle, per lui non c'era ormai più nulla da fare. Il corpo è stato ripescato dai sommozzatori di Treviglio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fara Gera, fiume Adda: annegato 34enne dello Sri Lanka

BresciaToday è in caricamento