rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cronaca Piazza della Loggia

In Loggia si discute, fuori c’è il presidio: A2A, l’inceneritore, i comitati

Si scaldano gli animi mentre la Commissione Ambiente fa parlare i tecnici di A2A, e un giovane genitore chiama in causa "la salute dei cittadini". Fuori dalla Loggia il presidio spontaneo della Rete Antinocività

Un’audizione che suona come una sconfitta, e lo ammettono pure i tanti Comitati. Ieri pomeriggio A2A ha schierato i suoi migliori ingegneri, ha presentato dati e tabelle, ha difeso le sue scelte e ha difeso l’inceneritore. La Consulta Ambiente invece ha deciso di chiamare rappresentanti generici, e ha un po’ faticato, rappresentati della Rete Antinocività Bresciana scelti dall’esterno, e forse non preparatissimi. “Non siamo potuti intervenire al meglio – ammettono – è stata la Consulta a decidere chi avrebbe potuto parlare”.

Ma gli animi si scaldano, e un giovane genitore interrompe la discussione, e alza la voce contro la Commissione riunitasi ieri nel Palazzo della Loggia: “E’ vostro dovere difendere la salute dei cittadini, e dei nostri figli”. Poco più fuori, sotto il colonnato che dà proprio sulla Piazza, il presidio spontaneo della RAB, una ventina di attivisti in rotazione, con striscioni e cartelli, e la voglia di cambiare le cose.

Presidio RAB in Loggia - © Bresciatoday.it


La contestazione interna è forse troppo generica, e i tecnici di A2A riescono a esporre quanto vogliono. “Le emissioni prodotte dall’impianto sono meno dell’1% sul totale cittadino – spiegano – Tutto il resto è attribuibile al tasso del traffico, ai comportamenti poco virtuosi di aziende e cittadini”. Ovviamente la polemica non si placa, e dalla RAB la pronta replica: “I dati scientifici presentati sono prodotti dai proprietari dell’impianto. Silenzio assoluto, invece, sulle ricerche indipendenti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Loggia si discute, fuori c’è il presidio: A2A, l’inceneritore, i comitati

BresciaToday è in caricamento