Ponte di Christo: il giallo della navetta gratuita che invece si paga

Una ragazza si sfoga su Facebook dopo aver pagato 1 euro di biglietto sul bus navetta che doveva essere gratuito. "Ho chiesto il numero di un ufficio, qualcuno da contattare.. ma nessuno sa nulla"

Il Ponte di Christo (fonte: Instagram@harlack)

E se oltre ai tassisti, alle barche e agli affitti ci fossero anche degli autobus abusivi? Abusivi non perché irregolari, ma perché farebbero pagare 1 euro di biglietto anche se la navetta dovrebbe essere gratuita. La denuncia corre su Facebook: lo scrive Cristina Palazzi, sulla pagina ufficiale di The Floating Piers, rivolgendosi alla Zani Viaggi.

“Vi scrivo per avere chiarificazioni riguardo la navetta di Sulzano – scrive Cristina –. Siamo arrivati a Sulzano in moto e abbiamo parcheggiato al parcheggio di Via Tassano, e poi camminato fino all'entrata della passerella. Al ritorno, stremati dal caldo, abbiamo deciso di aspettare la navetta gratuita che parte da Sulzano, Via Cesare Battisti, e arriva a Sulzano, Via Tassano”.

Una volta saliti però l'autista gli avrebbe chiesto i biglietti, nonostante ci sia “chiaramente scritto in lettere maiuscole e grassetto, navette gratuite”. Il racconto continua. “L'autista non fa un cenno e ci dice di comprare i biglietti, indicando un ragazzo giovane con una maglietta bianca senza alcun logo ufficiale da rivenditore”.

“Ho chiesto gentilmente all'autista come mai dovessimo pagare 1 euro, quando sul tabellone non c'era menzionato alcun pagamento. L'autista mi dice che non lo sa e di chiedere al ragazzo dei biglietti. Così ho fatto, e mi è stato risposto 'non lo so, chiedi all'autista'. Ho chiesto il numero di un ufficio, qualcuno da contattare.. ma nessuno sa nulla”.

Cristina e gli amici scendono dalla navetta, parlano con due agenti di Polizia. “Alle mie domande hanno risposto 'non è la prima persona che lo dice'. Com'è possibile che tutti debbano pagare 1 euro senza che ci sia scritto da nessuna parte?”.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Maltempo, non è finita. L'allerta della Protezione Civile: "In arrivo vento e forti temporali"

  • Orrore in reparto: ragazza di 19 anni si dà fuoco e muore avvolta dalle fiamme

Torna su
BresciaToday è in caricamento