menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto: Instagram - Mikimaiki

Foto: Instagram - Mikimaiki

“Un ponte serve per andare da qualche parte, non per masturbarsi”

Il commento di Vittorio Sgarbi sull'opera di Christo, dopo il malore di sabato sera in un albergo di Lovere

Paura per Vittorio Sgarbi. Il critico d'arte è stato colpito da un malore sabato sera in un albergo di Lovere, sul Lago d'Iseo, dove si trovava per l'inaugurazione del Ponte di Christo. Trasportato con l'elisoccorso all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, la diagnosi è stata subito chiara: colica renale.

Poco dopo essere stato dimesso, Sgarbi ha raccontato cosa gli è successo ai microfoni di Radio Cusano Campus, nel corso del programma ECG Regione: "Sono andato sul Lago di Iseo e sono stato travolto da Christo. La bruttezza di quell'opera mi ha fatto venire una colica renale? Ecco, forse è stata una concausa, certamente sono andato a vedere le opere d'arte di quei bellissimi luoghi dicendo che la passerella avrebbe avuto senso se non fosse stata proiettata verso il nulla ma verso quei luoghi bellissimi che sono presenti sul Lago. Una passerella deve servire per andare nei luoghi, non per masturbarsi. La notte l'ho passata vedendo delle terme romane, delle chiese, ho fatto un percorso originale, poi nella mattinata mi sono reso conto che avevo questa dolorosissima colica renale".

Il critico d'arte ha fatto di nuovo preoccupare tutti: "L'Italia mi vuole bene? Dopo tanti anni in cui hanno cercato di contrastarmi, ora avranno visto che ho fatto la resistenza". Qualche giorno fa Sgarbi ha postato su Facebook una foto in cui si sceglieva la bara: "Così mi porto sfiga da solo? Beh, se fossi morto sarebbe stato così, invece  abbiamo cercato un passaggio e io ho superato il rischio. Ero stato a visitare una chiesa che era diventata un negozio di bare. Stanotte ho pensato che potevo anche morire, tale è la violenza del dolore della colica renale che ho avuto. Ho pensato che sarei morto, invece poi l'ho superata, quindi quelle bare non hanno portato sfiga, anzi rappresentano uno scongiuro. La colica renale fa male quanto il parto nelle donne. Evidentemente se l'uomo non può sapere cos'è il dolore da parto, questo dolore così forte la natura o Dio ce lo fanno provare per consonanza. E' un dolore terribile, pensavo che mi stessero asportando la parte superiore del corpo". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    Giornate FAI di Primavera 15 e 16 maggio 2021

  • Concerti

    Brescia: Omar Pedrini alla Latteria Molloy

  • Attualità

    Brescia vince il premio "Città italiana dei giovani 2021"

Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento