rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Cronaca

Doveva essere solo una febbre. Le lacrime della famiglia: "Sofia era un angelo"

La magistratura ha disposto l'autopsia sulla piccola Sofia Zago, morta a soli 4 anni per malaria. Anche il Ministero della Salute invierà una task force per vederci chiaro

Una bimba fragile, come tutte le bimbe: dal 13 agosto in poi praticamente non era mai uscita dall'ospedale. E proprio in ospedale potrebbe aver contratto l'infezione che poi l'ha uccisa. Ma quella zanzara maledetta poteva trovarsi ovunque, trasportata ad esempio nella valigia di qualcuno che è tornato da un lungo viaggio. Vive 20 giorni, la maledetta: ha vissuto abbastanza per colpire la piccola Sofia.

Aveva solo quattro anni, Sofia Zago: era in vacanza con mamma e papà, Francesca e Marco, e il fratellino. A Bibione, in campeggio: si è sentita male appunto il 13 agosto scorso, ricoverata all'opedale di Portogruaro per diabete. Meno di tre giorni dopo era già nel reparto di Pediatria dell'ospedale di Trento”.

Il rientro a casa, nessuno che si accorge di nulla (genitori compresi, ovviamente): a prima vista sembrava solo una febbre, un febbrone di quelli che non mancano mai nemmeno d'estate. Sarebbe potuto passare, sarebbe dovuto passare. E invece non è andata così.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doveva essere solo una febbre. Le lacrime della famiglia: "Sofia era un angelo"

BresciaToday è in caricamento