rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Manerbio

Morto in ospedale, i genitori rifiutano il risarcimento: “Nostro figlio non ha prezzo"

La famiglia di Riccardo Sapienza, morto in ospedale che aveva solo 20 anni, ha rifiutato la proposta di risarcimento avanzata dai legali di Valerio Schinetti, medico a processo per omicidio colposo

Riccardo Sapienza aveva solo 20 anni quando morì in ospedale: era il 23 luglio di quattro anni fa, era stato ricoverato per un pneumotorace sinistro, patologia improvvisa che consiste nell'accumulo di aria nel cavo pleurico. La patologia a quanto pare fu causata da un trauma, da un tuffo nel fiume Trebbia. Venne operato all'ospedale Maggiore di Cremona: il medico che è stato poi accusato di omicidio colposo (Valerio Schinetti) era dell'ospedale di Manerbio.

Da allora la famiglia non si è data pace: lunedì mattina la penultima udienza del processo ancora in corso. L'ultima udienza, con la sentenza, è attesa per il 27 novembre prossimo. Come scrive La Provincia di Cremona, mamma Annalisa e papà Salvatore hanno rifiutato la proposta di risarcimento avanzata dai legali che difendono Schinetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto in ospedale, i genitori rifiutano il risarcimento: “Nostro figlio non ha prezzo"

BresciaToday è in caricamento