Tragedia sul lavoro, le lacrime per Maurizio: "Sarai per sempre nei cuori di tutti"

Tantissimi i messaggi di cordoglio per la morte di Maurizio Cossu, operaio di 41 anni di Salò vittima dell'ennesimo infortunio sul lavoro, in fabbrica a Oppeano, nel Veronese

Non è ancora stata programmata la data dei funerali di Maurizio Cossu, giovane operaio gardesano rimasto travolto e ucciso da una pesante sbarra di acciaio mentre stava lavorando con alcuni colleghi in un'acciaieria del Veronese, ma di proprietà bresciana: la salma al momento riposa all'obitorio dell'ospedale di San Biagio, a Bovolone, in attesa del nulla osta della magistratura.

La tragedia si è consumata in fabbrica nel primo pomeriggio di mercoledì, alla Aso Sps di Oppeano, azienda di proprietà dell'omonimo gruppo bresciano con sede a Ospitaletto. Cossu era al lavoro insieme a un collega alla sistemazione di una barra di acciaio, che all'improvviso si è staccata dal supporto che la teneva ferma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cossu è stato colpito in pieno alla testa, sbattuto a terra con violenza inaudita: un impatto che purtroppo non gli ha lasciato scampo, perché il suo cuore si è fermato e non ha più ricominciato a battere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in 20 giorni sono morti tre fratelli

  • Ingerisce una batteria e rimane soffocata: morta bimba di tre anni

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 5 aprile 2020

  • Coronavirus, cresce la mobilità in Lombardia: "Si spostano decine di migliaia di persone"

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 4 aprile 2020

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 3 aprile 2020

Torna su
BresciaToday è in caricamento