Cronaca Centro / Via Lattanzio Gambara

"Disse basta, ma non urlò": assolto dall’accusa di stupro, esplode la protesta

Anche a Brescia il presidio del movimento "Non una di Meno" per contestare la recentissima sentenza del tribunale di Torino che ha assolto da ogni accusa Massimo Raccuia, ex commissario Croce Rossa

“Ci basta il basta di Laura per dire che se non c'è consenso è stupro. Questa sentenza ci coinvolge tutte, per questo la nostra lotta sarà più forte e determinata”. Così in una nota le attiviste di “Non una di Meno”, in piazza anche a Brescia mercoledì con un presidio all'esterno del tribunale, per ribadire il “basta” alla violenza contro le donne. 

Il riferimento è alla nota vicenda di Massimo Raccuia, ex commissario della Croce Rossa, accusato di molestie e stupro da una dipendente della stessa Croce Rossa. Il procedimento (avviato nel 2011) si è concluso il 15 febbraio scorso, con l'assoluzione di Raccuia da parte del tribunale di Torino.

“Nel procedimento il pm Marco Sanini ha chiesto 10 anni per l'imputato – scrivono le donne di Non una di Meno – credendo alle parole della donna. La donna invece è passata da parte lesa a imputata per calunnia, perché il suo racconto è stato giudicato inverosibile, e il fatto non sussiste”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Disse basta, ma non urlò": assolto dall’accusa di stupro, esplode la protesta

BresciaToday è in caricamento