menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Guido Bettoni e l’ingresso della villa dov’è avvenuto l’omicidio

Guido Bettoni e l’ingresso della villa dov’è avvenuto l’omicidio

Riservato e schivo, l'ombra della cocaina sulla tranquilla vita di Guido

Pochi anni fa Guido Bettoni aveva perso il padre: un lutto che ha segnato profondamente la famiglia

Sia la vittima che il suo assassino erano entrambi incensurati: puliti, almeno dal punto di vista penale, comunque già noti alla Prefettura perché segnalati come consumatori di sostanze stupefacenti. E proprio per questo motivo si sarebbero visti, sabato pomeriggio nella casa di Guido Bettoni, un residence in Via Benacense dove abitava da solo, da anni.

Una lite, l'ennesima, forse appunto legata a motivi di droga e di soldi. Ucciso con una decina di coltellate, poi nascosto nel baule dell'auto e infine sepolto in una zona boschiva di Ghedi: Lamberto Ombrici avrebbe già confessato tutto, nei minimi dettagli, prima di scoppiare in lacrime.

Si conoscevano da tempo, forse per certi versi erano pure simili: ceti sociali diversi ma tante “passioni” negative in comune, e pure un carattere schivo e riservato che li avvicinava. Bettoni aveva 37 anni: qualche problema di droga, come confermato dalle forze dell'ordine, ma in famiglia pare che nessuno sapesse nulla.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento