rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Via Benacense

Omicidio nella strada della "Brescia bene": chi è l’assassino

L’uomo ha già confessato

Lo avrebbe ucciso con almeno una decina di coltellate nella sua casa di Via Benacense: è l'ultimo ad averlo visto. Ha vagato per quasi 24 ore con il cadavere dell'amico nel portabagagli della sua auto, finché non ha deciso di seppellirlo in una zona boschiva di Ghedi, nascondendolo tra terra, foglie e sassi. Ha confessato ai carabinieri quando questi sono venuti a bussare alla sua porta, al quartiere Perlasca: proprio lui ha accompagnato i militari nel luogo dove era stato sepolto l'amico ucciso. Solo allora è scoppiato in un pianto liberatorio.

Breve cronaca di un omicidio: a Brescia, in pochi attimi. Forse al termine dell'ennesima lite tra Guido Bettoni, la vittima, e Lamberto Lombrici, l'assassino. Il 42enne avrebbe confessato le sue colpe dopo un primo tentativo di resistere: “L'ho ucciso io, l'ho sepolto in campagna”. Avrebbero litigato, forse per i soldi, o per la “coca”.

La vita purtroppo scorreva così, tra problemi economici – Lombrici avrebbe avuto difficoltà ad uscire anche dalla morsa del gioco d'azzardo, e in particolare le slot machine – e un'altra dipendenza difficile da mollare, appunto la cocaina. Non è ancora chiaro cosa abbia fatto scatenare il raptus omicida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio nella strada della "Brescia bene": chi è l’assassino

BresciaToday è in caricamento