rotate-mobile
Cronaca Darfo Boario Terme

Tragedia al Comando, si toglie la vita negli spogliatoi: chi era la vittima

Il primo a trovarla senza vita il collega con cui avrebbe dovuto dividere il turno di lavoro

Originaria di Pisogne, Elena Vianelli abitava a Darfo ormai da tempo: era in servizio da 18 anni. Nel 2008 era stata premiata dall'Associazione Nazionale Comuni Italiani come una degli agenti più meritevoli. Con i colleghi di lavoro i rapporti erano ottimi: nessuno avrebbe mai potuto immaginare potesse andare così.

Anche in paese la ricordano come una donna sorridente, solare, sempre disponibile. Dai suoi occhi sprizzavano raggi di sole, nessuno ha mani nemmeno intravisto le nubi oscure che invece a quanto pare portava con sé da chissà quanto tempo. Un male nascosto che all'improvviso ha avuto la meglio.

Avrebbe raggiunto il luogo di lavoro in attesa del turno pomeridiano. Qui ha portato a termine un piano che sembrerebbe premeditato: ha raggiunto gli spogliatoi, ha estratto la sua pistola d'ordinanza e si è sparata alla testa. Nel suo armadietto, tra gli effetti personali, è stato ritrovato un biglietto d'addio, che potrebbe forse spiegare i motivi dell'estremo gesto. Non è ancora stata fissata la data dei funerali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia al Comando, si toglie la vita negli spogliatoi: chi era la vittima

BresciaToday è in caricamento