Cronaca

Tragedia al Comando, si toglie la vita negli spogliatoi: chi era la vittima

Il primo a trovarla senza vita il collega con cui avrebbe dovuto dividere il turno di lavoro

Il collega di lavoro con cui avrebbe dovuto dividere il turno l'ha trovata in una pozza di sangue, nello spogliatoio del comando: si è tolta la vita sparandosi alla testa con la pistola d'ordinanza. Non è dato sapere il perché, sulla vicenda indagano i carabinieri: la donna avrebbe però lasciato un biglietto, scritto forse solo qualche ora prima.

Esattamente quattro anni dopo, a Darfo Boario Terme la storia si ripete: allora era toccato a Silvio Grassi, adesso invece a Elena Vianelli, agente di Polizia Locale di 49 anni, appunto in servizio al comando di Darfo, che nel primo pomeriggio di domenica è stata ritrovata senza vita dal collega Claudio Minini.

L'uomo non trovandola l'avrebbe cercata al cellulare: ha poi seguito il trillo della suoneria finché non l'ha ritrovata senza vita negli spogliatoi. Non c'è stato ovviamente nulla da fare: Elena Vianelli era già morta. Una notizia che lascia senza parole una comunità intera. E su cui inevitabilmente si cercherà di fare chiarezza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia al Comando, si toglie la vita negli spogliatoi: chi era la vittima

BresciaToday è in caricamento