Una preghiera per il piccolo Charlie: "Non spetta ai tribunali decidere di una vita"

Anche a Brescia una preghiera per il piccolo Charlie Gard, il bambino di soli 10 mesi che rischia di morire a causa di una rarissima malattia genetica. L'ospedale vorrebbe staccare la spina per alleviare le sue sofferenze

Charlie col suo papà

Un ponte simbolico tra Brescia e l'Inghilterra, una preghiera collettiva per il piccolo Charlie Gard, il bimbo di soli 10 mesi affetto da una rarissima malattia genetica e per cui i giudici avrebbero deciso di sospendergli le terapie. La veglia di preghiera è in programma venerdì sera in città, alle 20.45 nella chiesa dei santi Faustino e Giovita, organizzata da diverse associazioni del territorio vicine al mondo cattolico. Tutte concordi: “Non spetta ai tribunali decidere della vita di un bambino”.

Una storia triste, quella del piccolo Charlie. Senza speranze secondo i medici, ma non per i genitori: anche se adesso davvero sembra non ci sia più niente da fare. La Corte Europea per i Diritti Umani ha infatti ritirato le misure preventive per il bimbo che soffre di una rarissima malattia genetica, approvando le decisioni dei tribunali britannici in base alle quali si possono sospendere le cure per mantenerlo in vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Travolta e investita da un camion sulle strisce pedonali: donna muore sul colpo

Torna su
BresciaToday è in caricamento