Cronaca

Bancarotta fraudolenta da 6 milioni di euro: arrestati tre imprenditori

I finanzieri hanno arrestato i responsabili di un meccanismo fraudolento che ha danneggiato decine di fornitori. Si tratta di un cittadino svedese, ora in carcere, e di due bresciani finiti ai domiciliari

Nel 2015 fallisce una società bresciana, operante nel commercio di materiale plastico, ma le indagini del Nucleo di Polizia Tributaria della Finanza scoprono la bancarotta per ingenti acquisti di merce mai pagata e rivendite contestuali “in nero” a soggetti compiacenti.

Questo è il meccanismo fraudolento che, lo scorso 28 marzo, ha portato i finanzieri ad arrestare i 3 responsabili (un cittadino svedese in carcere e 2 bresciani ai domiciliari), amministratori di diritto e di fatto della società, con l'accusa di aver fatto sparire i beni escludendoli dalla procedura fallimentare.

Dall’aprile al luglio 2014, l’azienda ha acquistato a credito da numerosi fornitori in Italia e all’estero materiale plastico, per circa 3.000.000 di euro. Mentre si attendevano i pagamenti, il materiale acquistato spariva e veniva immediatamente rivenduto in nero falsificando fatture e documenti di trasporto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bancarotta fraudolenta da 6 milioni di euro: arrestati tre imprenditori

BresciaToday è in caricamento