Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca

Prende a martellate in testa il "rivale", ma il giudice lo assolve per vizio di mente

Il tribunale ha deciso: è stato assolto da ogni accusa (anche di tentato omicidio) il 50enne Alfredo Ninfa. Nel maggio scorso aveva aggredito a martellate il 71enne Giampaolo Pezzotti

Foto di repertorio

In quegli attimi il dolore e la rabbia erano stati così grandi che non era riuscito a controllarsi: in predo ad un vero raptus di follia, il 50enne Alfredo Ninfa aveva aggredito il 71enne Giampaolo Pezzotti con un martello e una chiave inglese, provocandogli fino a 250 punti di sutura.

Pezzotti, molto conosciuto anche fuori provincia, era a Inzino di Gardone Valtrompia insieme a Ninfa e ad altre persone per leggere il testamento e i destinatari dell'eredità proprio del compagno del 50enne, morto solo pochi giorni prima.

Ninfa aveva lasciato la sala mentre Pezzotti sanguinava copiosamente: secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, si sarebbe poi seduto su una panchina prima di tornare a casa. All'arrivo dei carabinieri stava cercando di togliersi la vita conficcandosi un trapano in testa, puntato alla tempia a mo' di pistola.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prende a martellate in testa il "rivale", ma il giudice lo assolve per vizio di mente

BresciaToday è in caricamento