Risparmiare con la stufa a pellet: dove acquistarle a Brescia

Le stufe a pellet di ultima generazione garantiscono un alto rendimento calorifero, oltre a risparmio energetico e risparmio economico

L'inverno è ancora lontano, ma il clima “pazzo” di questa primavera (con temperature in picchiata, anche in questi giorni) potrebbe, chissà, riproporsi periodicamente a causa dei cambiamenti climatici del nuovo millennio: non è cosa strada, infatti, l'accensione degli impianti di riscaldamento anche se fuori stagione, con apposita deroga deliberata anche da tanti Comuni bresciani. Ma per stanze singole, o case di piccole dimensioni (o magari solo un piano), si parla da tempo si un'efficace soluzione alternativa: il riscaldamento con stufa a pellet.

La stufa a pellet

Negli ultimi anni la diffusione delle stufe a pellet è cresciuta significativamente, anche grazie a incentivi regionali e nazionali. Il pellet inteso come combustibile si ricava dalla segatura: la precisa definizione tecnica è di “biocombustile addensato”, e si presenta come piccoli cilindri di legno pressato, composti da materia prima di qualità, selezionata, essiccata e pulita dalle impurità. Si tratta di un prodotto altamente omogeneo, parlando di peso e dimensioni: sul mercato ne esistono diversi tipi, in vendita in media a 5 euro ogni 15 chili (il classico sacco di pellet). Nella vasta gamma di materie prime, è il pellet in abete quello considerato qualitativamente migliore, seguito dal pellet di conifera.

Risparmio energetico e non solo

La stufa a pellet consente di risparmiare parecchio sia dal punto di vista del consumo energetico che da quello economico. In una casa dalle dimensioni relativamente ridotte può bastare una sola stufa a pellet per riscaldare tutti gli ambienti: fosse così, anche nei periodi più freddi con una spesa di 5 euro al giorno (un sacco di pellet) almeno le stanze principali possono essere adeguatamente riscaldate. Ma è soltanto una stima: le valutazioni vanno fatte con precisione in sede di installazione dell'impianto.

Il tema ambientale

Non va dimenticato (né mai sottovalutato) il tema dell'impatto ambientale. Le stufe a pellet di ultima generazione infatti rispettano al meglio i requisiti e le normative per una ridotta produzione di inquinanti e in ottica di risparmio energetico e di alta emissione di calore. Sul tema la Regione Lombardia (il documento completo è disponibile a questo link) ha pubblicato un'apposita sezione sui generatori di calore a biomassa legnosa nell'ambito del più ampio capitolo delle “Misure di limitazione per migliorare la qualità dell'aria”.

Per quanto riguarda i generatori di calore a biomassa legnosa, è in vigore su tutto il territorio regionale il divieto di nuova installazione di generatori di calore alimentati da biomassa legnosa con prestazioni emissive inferiori a quelle individuate dal DM n. 186 del 7/11/17 per le seguenti classi:

  • “tre stelle”, per i generatori installati dall’1.10.2018 ( obbligo di installazione di generatori ad almeno 3 stelle) ;
  • “quattro stelle", per i generatori installati dall’1.1.2020 ( obbligo di installazione di generatori ad almeno 4 stelle)

E' in vigore inoltre il divieto di utilizzo di generatori di calore alimentati da biomassa legnosa con prestazioni emissive inferiori a quelle individuate dal DM n. 186 del 7/11/17 per le seguenti classi:

  • “due stelle”, per i generatori in esercizio dall’1.10.2018 (divieto di utilizzo per i generatori a 0 o 1 stelle);
  • “ tre stelle”, per i generatori in esercizio dall’1.1.2020 (divieto di utilizzo per i generatori a 0 o 1 o 2 stelle)

Dal 1 ottobre 2018, infine, nei generatori di calore a pellet di potenza termica nominale inferiore ai 35 kW, l’obbligo di utilizzo di pellet di qualità che rispetti le condizioni previste dall’Allegato X, Parte II, sezione 4, paragrafo 1, lettera d), parte V del decreto legislativo n. 152/2006, e che sia certificato conforme alla classe A1 della norma UNI EN ISO 17225-2 da parte di un Organismo di certificazione accreditato, da comprovare mediante la conservazione obbligatoria della documentazione pertinente da parte dell’utilizzatore.

Stufe a pellet a Brescia

Acquistare e installare stufe a pellet a Brescia: i costi ovviamente variano dalla tipologia di stufa, dalla sua grandezza e dal potere calorifico. Indicativamente si parte da un minimo di 500 euro fino a un massimo di oltre 2000. Questi sono alcuni negozi specializzati nella vendita e nell'installazione di stufe a pellet in ambito domestico: Non Solo Bagno in Via Oberdan 2/A a Brescia (telefono 030 3099274), Ceresoli Stufe in Via Brescia 146 a Nave (telefono 030 2530172), Gi-Zeta Stufe e Camini in Via Fantasina 32 a Cellatica (telefono 030 2774217), Idea Camino in Via IV Novembre a Borgosatollo (telefono 030 2701085).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'arte del recupero: come arredare casa con oggetti e materiali del riuso

  • Rimedi naturali per eliminare gli insetti dalla dispensa

  • Come risparmiare in casa con le lampadine a led

  • Acqua in casa, quanto mi costi? Brescia la più cara in Lombardia

  • Come decorare il giardino per le feste di Natale

  • Vernici ecologiche: prodotti naturali per colorare i muri di casa

Torna su
BresciaToday è in caricamento