Basta umidità in casa: le cause e i rimedi

Ci sono tanti piccoli accorgimenti e alcuni rimedi naturali per ridurre il tasso di umidità in casa: per evitare problemi, meglio che non superi mai il 60%

Nella Bassa Bresciana è già tempo di nebbia, ma presto lo sarà anche per gran parte della nostra provincia: nel frattempo, le gocce di rugiada bagnano i prati e l'aria umida “lava” le macchine di notte. Questo quanto succede fuori casa, ma non dimentichiamoci di quello che accade dentro: sempre di umidità si tratta, conseguenza di finestre chiuse per l'autunno (e l'inverno) e tutte le problematiche che ne derivano, sia per la salute che per la casa stessa (con il rischio che si formi anche la muffa).

Attenti all'umidità

Il dato è scientifico: l'umidità eccessiva può creare problemi di salute, e quindi è bene che all'interno della stanza in cui lavoriamo, mangiamo o dormiamo non superi mai la soglia del 60%. Lo strumento che permette la misurazione precisa del tasso di umidità è il celebre igrometro: ne esistono di tutti i formati, anche piccoli e tascabili agilmente trasportabili da un ambiente all'altro. Ma nel mondo della domotica sempre più diffusa, anche i termostati e i cronotermostati possono essere attrezzati con igrometro.

Le cause dell'umidità

Sono tre i motivi principali che possono causare l'umidità. Nello specifico: la cattiva coibentazione dei muri esterni, e che dunque creano la cosiddetta “umidità di risalita” (influenzata anche dall'ambiente esterno); gli ambienti poco ventilati; il posizionamento della nostra casa, magari in zone umide; il naturale trascorrere delle stagioni (soprattutto in autunno e in inverno).

Prevenire è meglio che curare

Ci sono alcuni semplici passaggi, quasi fai da te, per ridurre al minimo il rischio di un incremento incontrollato dell'umidità, con tutte le conseguenze (anche per la salute) di cui abbiamo parlato solo poche righe fa. Nel dettaglio:

  • arieggiare casa
  • utilizzare la cappa
  • installare una ventola in bagno
  • installare deumidificatori
  • evitare il ristagno dell'acqua nei sottovasi delle piante
  • non far asciugare il bucato negli spazi interni.

Rimedi naturali per ridurre l'umidità

Per concludere, vediamo qualche utile (e poco costoso) rimedio naturale per ridurre il tasso di umidità nella nostra abitazione. A partire dal sale grosso, che ha un alto potere assorbente: lo facciamo raffreddare in frigorifero per una decina di ore, e poi lo lasciamo per qualche giorno in un contenitore. Ma quanto ne serve? Circa 150 grammi ogni 25 metri quadrati.

Sia la calce viva che il gesso hanno forte potere assorbente: nel caso della calce, basta metterne un po' all'interno di un barattolo con un tappo bucherellato. Non da meno la gomma arabica, che è pure profumata e può essere posizionato all'interno di camere o armadi. Infine, le piante: meglio affidarsi a essenze tropicali, che oltre ad arredare riescono ad abbassare (di molto) l'umidità.

Prodotti online

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terrore in piazza: maniaco insegue due ragazzine di 15 e 17 anni per violentarle

  • Bonus Verde: detrazioni fino a 1.800 euro per lavori in giardino

  • Come pulire la casa con la forza del vapore

Torna su
BresciaToday è in caricamento