rotate-mobile
Sicurezza

Il tempo delle pulizie di primavera

Pulizie di primavera, è arrivato il momento: dalla camera alla cucina, ecco come organizzarsi

La bella stagione è ormai arrivata, Pasqua è alle porte: dunque diamoci sotto con le pulizie di primavera. E' l'occasione per “rinfrescare” casa a partire dal cambio degli armadi, oltre che a una pulizia di fondo che può far bene anche a chi soffre di allergie. Certo non è una cosa da tutti i giorni: serve tempo, organizzazione e pure gli strumenti giusti, compresi gli elettrodomestici. Bando alle ciance, e mettiamoci al lavoro.

Le pulizie di primavera

Parola d'ordine, organizzazione. Prima di cominciare è meglio avere chiaro quanto tempo (più o meno) ci vorrà, e soprattutto preparare una lista di cose da fare, da controllare puntualmente mentre si procede con le pulizie di primavera. Più siamo e meglio è, quindi ampio spazio all'aiuto di amici e familiari e una eventuale divisione dei compiti. Si deve lavorare una stanza alla volta, così da poter finire almeno una camera in caso ci siano interruzioni non previste.

Inevitabile avere con sé gli strumenti adatti: dall'aspirapolvere più moderno al lavapavimenti all'ultimo grido, e poi spugne e panni (abrasivi, in microfibra) da utilizzare a seconda delle superfici da pulire, mobili e non solo.

La cucina

Cominciamo dalla cucina. Il discorso vale per tutte le altre stanze: la prima cosa da fare sarà smontare le tende per lavarle in lavatrice. Poi, la pulizia dei vetri: può bastare il più classico dei detergenti, accompagnato da panni specifici o anche vecchi giornali. Un consiglio: il sole diretto può asciugare in anticipo e lasciare aloni.

Lavatrice: l’elettrodomestico indispensabile per avere il guardaroba sempre pulito

Infissi e tapparelle vanno puliti con prodotti specifici e non aggressivi. Si può utilizzare anche il vapore, in grado di pulire a fondo anche gli effetti delle intemperie e (soprattutto) dello smog. Per la cucina vera e propria, andranno svuotati tutti i pensili e i cassetti (si può immaginare anche un lavaggio generale di posate e affini in lavastoglie) e ripulite tutte le superfici.

Infine, il frigorifero: attenzione a non metterci troppo tempo, il cibo non va sprecato o peggio buttato. Una volta svuotato, lo possiamo pulire con una soluzione di acqua e aceto. Il forno, invece, tornerà a splendere (dentro e fuori) grazie a un mix di bicarbonato e sapone di Marsiglia allungati in acqua calda (magari con una spolverata di olio essenziale di limone).

Il bagno

Vedi sopra, solo poche righe fa: prima di tutto smontare le tende e metterle in lavatrice, poi procedere con la pulizia dei vetri. Si prosegue poi nell'ormai noto svuotamento di tutti i piani, ripiani, cassetti e altro: interni ed esterni potranno essere ripuliti con un po' di acqua calda a cui abbiamo aggiunto del detergente (o del detersivo). Per i punti più difficili si può riciclare un vecchio spazzolino, attrezzato con una soluzione di acqua e bicarbonato.

Meglio infine liberare la stanza quando si procederà alla pulizia profonda di pavimenti, piastrelle, del box doccia o della vasca e (in caso ci fosse) anche del calorifero.

Il soggiorno

Il modus operandi ormai è noto: via le tende e procediamo con i vetri. Per il soggiorno, in quanto più grande e “ricco”, andranno fatte delle scelte: svuotiamo e puliamo tutto oppure no? Se pensiamo alla libreria, infatti, andrà “liberata” con cura da tomi, giornali e riviste, e anche questi ultimi dovranno essere spolverati. Pulizia consigliata con un panno in microfibra.

Librerie da parete, le più belle e funzionali per arredare casa a meno di 100 euro

Altro imperdibile appuntamento: il divano. Se sfoderabile, togliamo il rivestimento e laviamo in lavatrice, intanto procediamo con l'aspirapolvere. Non fosse così, divano e fodere potranno essere lavati insieme con la scopa a vapore. E la pulizia a secco? Bicarbonato sulle superfici, due ore di attesa e poi via di aspirapolvere.

La camera da letto

Può essere la parte più facile ma anche la più complicata. In camera gli elementi di arredo non sono molti: letto, comodino e armadio. Materasso e federe vengono puliti e lavati già periodicamente, e questo è un vantaggio. Il comodino si svuota agile e si pulisce con un panno e un po' di detergente. Bel problema, invece, l'armadio: ci vorrà più tempo a svuotarlo e a decidere cosa tenere e cosa no. Buona fortuna. Ma anche buon divertimento.

Prodotti online 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il tempo delle pulizie di primavera

BresciaToday è in caricamento