Ladri di Natale, attenti alle foto sui social: come difendersi dagli intrusi

Una ricerca racconta delle paure dei bresciani sotto l'albero, durante le vacanze natalizie: il 58% degli intervistati si preoccupa delle foto postate sui social

Le feste natalizie ormai alle porte si celebreranno anche online: a breve i profili social degli italiani (e dei bresciani) si coloreranno con foto della settimana bianca e dei regali scambiati e scartati davanti al panettone. Ma attenzione agli sguardi indiscreti: è notizia di questi giorni del maxi-furto (da svariati milioni di euro) di cui è stata vittima la celebre ereditiera Tamara Ecclestone, derubata di preziosi e gioielli a poche ore dal post su Instagram del suo viaggio nei Paesi caldi.

Meglio stare allerta? Come rivela infatti l’ultima ricerca dell’Osservatorio Sara Assicurazioni, più di un bresciano su due (58%) teme che un’eccessiva visibilità sui social network possa esporre la propria casa a un maggior rischio di furti e per questo ritiene che occorra fare un uso accorto e consapevole di queste piattaforme, evitando di condividere, specie pubblicamente, troppe informazioni su di sé.

La paura dei ladri, anche in vacanza

Proprio le vacanze, tra l’altro, sono indicate dal 36% degli intervistati come uno dei momenti in cui si teme di più che i ladri possano introdursi in casa. Un più consistente 54% dichiara di aver più paura di un’intrusione notturna, mentre si dorme; infine, il 10% teme che avvenga di giorno, indipendentemente dal fatto che ci sia qualcuno in casa o meno. Subire un furto o una rapina nella propria casa spaventa per diverse ragioni: per il rischio di subire un’aggressione (48%) e per le conseguenze emotive legate all’evento (20%). Ma a pesare è anche il danno economico derivante da atti vandalici (24%) o dalla perdita di preziosi (6%).

Come difendersi dagli intrusi

Come difendersi, allora, dalle intrusioni indesiderate? Tra le soluzioni migliori, per il 22% dei bresciani c’è quella di rafforzare i dispositivi di sicurezza di porte e finestre e per il 16% è quella di installare un impianto di allarme. Un’altra soluzione, indicata dal 20% degli abitanti di Brescia, è la stipula di una polizza assicurativa che copra il danno subito. E' bene sottolineare però che quasi uno su due (il 48% degli intervistati) ha dichiarato di non aver adottato nessuna misura di protezione nell'ultimo anno, a causa del costo eccessivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sistemi di allarme artigianali?

Concludiamo con una nota curiosa: non sono pochi coloro che cercano di arrangiarsi con deterrenti alternativi, insomma dei sistemi di allarme “artigianali”. Ad esempio, oggetti messi davanti a porte e finestre che se spostati fanno rumore, per il 34% degli intervistati. Oppure lasciare la luce accesa anche di sera o di notte, quando si esce, per fingere una presenza vigile all'interno (per il 20%). E ancora, quando si è fuori casa, affidarsi al vicino per controllare quello che succede (un altro 20%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Come avere una casa sempre calda anche d'inverno

  • Come pulire i termosifoni per l’inverno

  • Le 10 regole del coinquilino perfetto

  • Come riscaldare il balcone in inverno

  • Come funziona un'idrostufa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento