Sicurezza

Come pulire e disinfettare il condizionatore: trucchi e consigli

Il caldo è arrivato, anche a Brescia: e ci si prepara a un'estate davvero torrida. Ecco perché è importante pulire e disinfettare i nostri condizionatori, anche ai tempi del coronavirus

Finita la tregua: dopo la (quasi) settimana di maltempo e temperature sotto la media, in questi giorni è tornato il caldo estivo anche in provincia di Brescia. Il sole splende alto, le temperature tornano sopra i 30 gradi. E in casa si sente la necessità di riaccendere il condizionatore. Come ogni anno è bene pulirlo e disinfettarlo prima di farlo ripartire, soprattutto nei tempi oscuri del coronavirus. Se non l'avete ancora fatto, prima che sia troppo tardi, può essere questa la vostra occasione.

Quando pulire il condizionatore

Già di per sé la pulizia e la manutenzione del condizionatore sono fondamentali. Ancora di più, come detto, nel periodo storico caratterizzato dall'emergenza sanitaria. Ma quali sono i momenti ideali per la pulizia del climatizzatore di casa? Sarebbe sempre meglio pulirlo prima della stagione, quindi tra maggio e giugno. Ma anche una pulizia extra in un giorno di relativa calma (dall'afa) di certo non fa male. La seconda pulizia andrebbe invece portata a termine quando si avvicina l'autunno, insomma dopo il grande utilizzo dei mesi estivi.

Pulire il condizionatore: si comincia

Per motivi di sicurezza (e salute) la vestizione non va mai sottovalutata: quindi guanti, mascherine e una maglia a maniche lunghe. Prima di pulirlo, ovviamente, va staccata la presa dell'alimentazione elettrica (non succede nulla, ma se succede? Meglio non rischiare). Fatto questo, leviamo il coperchio esterno dell'apparecchio e cominciamo a rimuovere la polvere.

E' consigliabile utilizzare un aspirapolvere, così basteranno pochi minuti. In seconda battuta è bene usare anche un panno in microfibra, per arrivare anche negli angoli più remoti, e completare l'opera con uno sgrassatore (per rimuovere lo sporco) e infine un buon germicida, da diffondere nella parte interna.

Secondo step: la pulizia del filtro

Non è meno importante la pulizia del filtro, di fatto la colonna portante dell'impianto: ovvero, la parte che raccoglie lo sporco in generale, ma anche i batteri e gli agenti patogeni (come muffe e funghi). I filtri vanno rimossi con molta attenzione, per non romperli: il primo passaggio sarà rimuovere lo sporco superficiale con uno straccio.

Fatto questo li potremo immergere in acqua tiepida a cui abbiamo precedentemente aggiunto del sapone neutro. Lavato e asciugato, si può disinfettare: esistono prodotti ad hoc, ma può bastare anche del semplice alcol etilico (meglio se nebulizzato). Per quanto riguarda i filtri con carboni attivi, andranno sostituiti quelli ormai “esauriti”, e invece lavati in acqua tiepidi quelli che possiamo ancora riutilizzare.

Le bocchette e il motore

Infine, le bocchette e il motore. Per le bocchette può bastare un panno imbevuto di prodotti specializzati (ne parliamo a fondo pagina). Lo stesso lavoro andrà effettuato anche sulla parte esterna, non prima di aver dato una bella spolverata (anche utilizzando l'aspirapolvere). Per quanto riguarda la pulizia (profonda) del motore, è invece sempre meglio contattare un tecnico specializzato.

Prodotti online per il condizionatore

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come pulire e disinfettare il condizionatore: trucchi e consigli

BresciaToday è in caricamento