Come pulire il camino e la canna fumaria

I metodi fai da te per pulire il camino e la canna fumaria: la manutenzione è fondamentale per evitare incidenti e malfunzionamenti

Il fuoco si spegne, arrivederci al prossimo anno: con l'inverno che si avvia ormai alla sua naturale conclusione, è buona (e saggia) cosa prepararsi per una pulizia profonda del camino e della sua canna fumaria. La cattiva o mancata pulizia e manutenzione dei condotti, infatti, sono tra le cause principali di malfunzionamenti, intossicazioni e addirittura rischio di incendi. Per stare tranquilli, oltre alla pulizia fai da te, è consigliata una pulizia professionale effettuata almeno una volta ogni due o tre anni. Ma ne riparliamo tra qualche riga.

Come pulire la canna fumaria fai da te

Sono principalmente due i metodi per pulire la canna fumaria del camino di casa: dall'alto o dal basso. La pulizia dall'alto non prevede altro che la risalita verso il tetto, per “spazzare” i residui di bruciato e fuliggine utilizzando attrezzi appositi come spazzole e tubi flessibili (è consigliabile l'acquisto di una spazzola adatta alle canne fumarie, in filo metallico o con setole in plastica). La pulizia dal basso è più o meno la stessa cosa, al contrario: la canna fumaria viene infatti ripulita dal basso verso l'alto, quindi direttamente in casa, dalla bocca del camino.

Prepararsi alla pulizia

La preparazione alla pulizia è una fase non meno importante della pulizia stessa. A cominciare dalla tutela della nostra salute: è infatti necessario attrezzarsi con guanti e mascherina protettiva, meglio se anche degli occhiali da lavoro. Questo servirà ad evitare di inspirare le pericolose polveri che inevitabilmente saranno smosse durante il duro lavoro di pulizia. Per quanto riguarda il braciere – anche se questa è un'operazione che sarebbe da fare almeno una volta alla settimana – serviranno scopa e paletta per raccogliere la cenere, meglio ancora se attrezzati con un aspirapolvere ad hoc (se ne trovano in vendita a poche decine di euro).

Tra le tante operazioni di sicurezza, non va dimenticata la contestuale verifica che negli anfratti del camino non si sia infilato qualche animale (ad esempio un piccolo topolino, oppure qualche uccelletto). In caso sia presente, andrà ripulita anche la chiusura regolabile del camino, anche in questo caso utilizzando una spazzola piccola. Infine, per evitare di sporcare irrimediabilmente il salotto, meglio spostare i divani e i tappeti, e coprire mobili e pavimenti con dei teli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pulizia professionale del camino

Come già anticipato ormai qualche riga fa, la pulizia fai da te non basta: ogni tot anni è necessario rivolgersi agli esperti del settore, spazzacamini e aziende specializzate. Di seguito un breve elenco di indirizzi utili da contattare in caso di necessità: Fenice Servizi in Via Rose di Sotto a Brescia (telefono 030 6341416), Lo Spazzacamino in Viale dei Caduti a Castel Mella (telefono 349 2162075), Nerino Flegoni a Sabbio Chiese (telefono 328 0283263), Ecoproject in Via Longavina a Muscoline (telefono 0365 337564).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come pulire casa dopo il rientro dalle vacanze

  • Come risparmiare con la lavastoviglie

  • Come pulire casa quando ci sono gli animali domestici

  • Come imbiancare casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento