rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Ristrutturare

Come scegliere il rubinetto giusto per la cucina

Classici o moderni, in acciaio o in bronzo, smaltati e a doppia maniglia: tutto quello che c'è da sapere sui rubinetti (miscelatori) per la cucina

Ne esistono tanti, tantissimi: fanno scorrere l'acqua a più velocità e intensità, impossibile farne a meno. Ma con il giusto abbinamento possono diventare anche un elemento di design. Parliamo dei rubinetti per la nostra cucina, da sempre il pezzo forte tra gli spazi di casa, che deve garantire funzionalità e perché no anche design, a partire da elettrodomestici efficienti e a basso consumo, fornelli all'ultimo grido, oppure l'isola per dare un tocco di particolarità in più all'arredamento. E in tutto questo non possiamo dimenticarci del rubinetto.

Il rubinetto, noto anche come miscelatore, può essere installato a parete oppure direttamente sul lavandino. Facendo ovviamente attenzione alla grandezza del foro del lavello o del piano di lavoro: quindi non deve essere né troppo grande, né troppo piccolo. 

Le tipologie di rubinetti

Vediamo alcuni dei principali modelli di rubinetti disponibili in commercio.

  • Rubinetto a parete: stile minimal, linee pulite ed eleganti. I rubinetti a parete sono pensati per lasciare a vista gli elementi essenziali. Facile da pulire, richiede poca manutenzione.
  • Rubinetto monocomando: ancora più semplice, ancora più essenziale. Ha una sola maniglia, che si muove a destra e sinistra per la temperatura, e in alto e in basso per il volume dell'acqua erogata. Perfetto per gli amanti del design.
  • Rubinetto a due maniglie: nostalgia canaglia, per decenni è stato un must (e un cult) nelle cucine degli italiani. Oggi è disponibili con forme e materiali più moderni, ma ben si adatta a uno stile vintage. Ha due maniglie, appunto, una per l'acqua calda e l'altra per l'acqua fredda.
  • Rubinetto con doccetta: fa parte della grande famiglia dei rubinetti a monocomando. Ma con un accessorio in più: un tubo allungabile per raggiungere così tutti gli angoli del lavandino. Il tubo è flessibile e a scomparsa. 
  • Rubinetto con sensore: per gli amanti della tecnologia, è di fatto la versione casalinga dei rubinetti già da tempo presenti nei bagni pubblici o degli uffici. E' attrezzato con una doppia funzione: sia il sensore a distanza che eventualmente l'attivazione manuale. Occhio al portafogli: chiaramente è un modello più costoso.
  • Rubinetto ripiegatile: la soluzione ideale per le case e le cucine più piccole, anche per chi ama l'open space. Le sue caratteristiche fanno in modo che sia appunto ripiegatile, insomma pieghevole e con effetto a scomparsa, per occupare meno spazio.

I materiali per il rubinetto

Concludiamo infine con un breve censimento dei materiali disponibili.

  • Rubinetto in bronzo: si lega a filo doppio con il rubinetto a due maniglie, e ben si sposa con uno stile vintage o “rustico”. I colori caldi e l'effetto vissuto fanno il resto.
  • Rubinetto in acciaio: è tra i materiali più diffusi, resistente all'usura e facile da pulire (anche se col tempo andrà lucidato). E' componente di vari modelli, per tutti i gusti: minimal, classico o moderno.
  • Rubinetto smaltato: di nuovo per gli amanti del design. Al materiale principale (acciaio o bronzo) si aggiunge uno smalto colorato, solitamente bianco e con finiture in oro per le cucine in stile vintage, oppure in grigio o in nero per le cucine più moderne.

Dove comprare un rubinetto a Brescia

Questi alcuni utili indirizzi di città e dintorni dove è possibile acquistare il rubinetto che stiamo cercando, o anche solo per farsi un'idea e conoscere i costi. Tra i tanti segnaliamo Artis Rubinetterie in Via Enrico Mattei a Gussago, telefono 030 6593335; Fromac Rubinetterie in Via Paolo Borsellino a Concesio, telefono 030 9228261; Pentagono Rubinetterie in Via Luigi Galvani ancora a Gussago, telefono 030 310299.

Prodotti online

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come scegliere il rubinetto giusto per la cucina

BresciaToday è in caricamento