Acquarello a muro, mesi di lavoro: anche Piamborno ha la sua Ultima cena

Inaugurato il giorno dell'epifania l'affresco che riproduce (e interpreta) il Cenacolo di Leonardo da Vinci: l'opera di Davide Tedeschi, tutta ad acquarello

Piccola divagazione sul tema, sul canale Casa: oggi non parliamo di arredo o di ristrutturazione, ma di una vera e propria opera d'arte. Inaugurata ormai poco più di un mese fa, il giorno dell'epifania, nella cappella feriale della chiesa di Piamborno, dopo circa due mesi e mezzo (e centinaia di ore) di lavoro. Da un'idea di Davide Tedeschi, noto pittore acquarellista camuno: grazie al suo bellissimo regalo anche Piamborno adesso ha la sua “ultima cena”.

L'Ultima cena della chiesa di Piamborno

A prima vista sembra un quadro, perché ha pure la cornice, ma invece è un affresco: è un acquarello a muro di circa 2 metri e mezzo per un metro e mezzo. L'affresco, come detto, riproduce una reinterpretazione della celebre “Ultima cena” di Leonardo da Vinci: un omaggio allo stile e alla storia di Leonardo, quando si sono concluse da poco le celebrazioni per il cinquecentenario della sua morte.

Un'opera quasi inedita, in tutta la valle e non solo, appunto realizzata utilizzando soltanto l'acquerello: dunque ancora più complicata, sia per la difficoltà di esecuzione (con un pennello che di solito si usa per i quadri, di dimensioni ben più ridotte) sia per la difficoltà nel fissaggio del colore. Anche per Tedeschi è stata una bella sfida: da sempre fedelissimo dell'acquarello, non si è smentito anche stavolta.

LND_9013-2

Il Cenacolo di Leonardo da Vinci

Ed è così che si completa l'omaggio a Leonardo, con una tecnica pittorica simile a quella del maestro toscano. Tutti conoscono il Cenacolo di da Vinci, noto ai più come Ultima cena: è un dipinto parietale ottenuto con una tecnica mista a secco su intonaco. Misura più di quattro metri e mezzo per quasi nove metri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' databile tra il 1494 e il 1498, conservato nell'ex refettorio rinascimentale del convento adiacente al santuario di Santa Maria delle Grazie a Milano. L'affresco fu commissionato da monaci, ed è ormai leggendario nel mondo: dal 1980 è considerato dall'Unesco patrimonio dell'umanità. Dal 1978 al 1999 è stato sottoposto ad uno dei più lunghi restauri della storia, durato più di 20 anni: necessario per via della singolare tecnica sperimentale utilizzata da Leonardo, purtroppo incompatibile con l'umidità dell'ambiente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come pulire casa dopo il rientro dalle vacanze

  • Come risparmiare con la lavastoviglie

  • Come pulire casa quando ci sono gli animali domestici

  • Come imbiancare casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento