Ristrutturare

La cabina armadio: quale scegliere e come realizzarla

E' il sogno di (quasi) tutte le donne, e pure di qualche maschietto: la cabina armadio, uno spazio ad hoc per custodire vestiti, scarpe e accessori

Nessun segreto: avere una cabina armadio è il sogno di tutte le donne (e pure di qualche maschietto, inutile negarlo). Certo serve il giusto spazio in casa, ma è il luogo ideale per conservare tutto il guardaroba, dalle scarpe agli abiti e cappotti, al sicuro e al riparo: con un po' di accorgimenti si può immaginare di realizzarlo anche in una piccola stanza. Quello che conta è che non sia troppo angusta, per permetterci di scegliere con la dovuta calma i vestiti e gli accessori che ci servono.

Cabina armadio: quale scegliere

Non è esiste una cabina armadio “globale” e uguale per tutti: va personalizzata in base alle esigenze (e alle misure). Dal punto di vista strutturale, ce ne sono di diversi tipi: forse la più nota è quella a spalla (conosciuta anche come “modulare”), che in un certo senso richiama gli armadi ad anta battente, ma è inoltre attrezzata con ripiani, cassettiere e portascarpe.

Non da meno le cabine armadio “montanti”, che possono essere a soffitto o a parete: solitamente realizzate in alluminio, vengono appunto ancorate alla parete oppure al soffitto. Non avendo i “fianchi”, non sono chiuse: ma proprio per questo sono molto versatili. Infine, i pannelli: stile minimal e tanta eleganza, tutto si sviluppa con un solo pannello di fondo (ovviamente personalizzabile).

Quanto deve essere grande (e cosa non può mancare)

Ma quanto deve essere grande una cabina armadio? Se lo spazio lo consente, non c'è davvero limite (anche una stanza intera, perché no). Ma visto che le case dei bresciani non sempre sono così grandi, esistono delle dimensioni minime a cui fare riferimento: la profondità non deve essere inferiore ai 120 centimetri, mentre la lunghezza dovrebbe partire da almeno 2 metri. 

Nella lista delle cose da fare, questo è quello che non deve mancare mai in una cabina armadio seria: i cassetti, il reparto biancheria, qualche specchio, i ripianti, gli appendiabiti e le scarpiere (soprattutto per le donne che sono appassionate di scarpe, e ne hanno a bizzeffe). 

Led, lampade e faretti: l'illuminazione

Altro elemento fondamentale, l'illuminazione. La giusta luce fa parte dei pezzi forti della nostra futura cabina armadio, anche approfittando eventualmente dei punti luce naturali. Le soluzioni non mancano, solo per citarne alcune: strisce a led, le più facili e le meno ingombranti da installare; faretti da incasso, che vanno però posizionati con attenzione nei punti giusti; lampade, la soluzione più classica ma forse meno efficace, anche se con qualche applique pure l'effetto design è garantito. 

Cabina armadio a Brescia: a chi rivolgersi

Salvo comprovata esperienza nel settore, in casi come questo il fai da te è sconsigliato. Meglio affidarsi allora a professionisti competenti e aziende specializzate, che certo non mancano nemmeno in provincia di Brescia. Ecco qualche indirizzo utile, anche solo per farsi un'idea: Almarossa in Via Generale Reverberi a Passirano (telefono 030 657381), Mafezzoni Armadi in Via Zerbino (Fornaci) a Flero (telefono 030 2680215), Moby Arredamenti in Via Enrico Fermi a Gussago (telefono 030 310449).

Prodotti online

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La cabina armadio: quale scegliere e come realizzarla

BresciaToday è in caricamento