Bonus facciata a Brescia: come ottenere rimborsi fino al 90%

Verrà inserito nella manovra finanziaria: il “Bonus facciata” permette di ottenere detrazioni fiscali fino al 90% per il restauro delle facciate dei palazzi

Capita spesso di vederle, da Brescia a Desenzano ma più in generale in tutti i centri storici: facciate di palazzi antichi, o che comunque hanno qualche annata sulle spalle, che non brillano più come un tempo, necessitano di interventi di restauro o ristrutturazione, messa a punto dell'intonaco, delle infiltrazioni. E' una condizione inevitabile del passare del tempo, complici anche gli agenti atmosferici: e questo comporta non solo un aspetto poco gradevole dal punto di vista estetico, ma anche dei rischi per l'incolumità di chi abita nello stabile.

A fronte di costi che per forza di cose non possono che essere consistenti, l'occasione per mettere da parte incertezze e perplessità, e cominciare i lavori una volta per tutte, potrebbe arrivare a seguito dell'approvazione della manovra che entrerà a far parte della nuova finanziaria: tra le misure previste, infatti, anche il “Bonus facciate” con cui ottenere un'importante agevolazione fiscale (fino al 90%) per la ristrutturazione delle facciate dei palazzi.

Cos’è il bonus facciate e come avviene il rimborso

Il bonus facciate è una detrazione del 90% che può essere applicata alle spese documentate sostenute nel 2020 per il recupero ed il restauro delle facciate degli edifici. Significa che si può portare in detrazione, il rifacimento dell’intonaco ma anche un semplice lavoro di tinteggiatura. Questa norma supera anche la detrazione dell’85% applicata ai lavori combinati di riqualificazione energetica ed antisismica (che permette di arrivare fino a due classi in meno di rischio) e si applica ad ogni tipo di immobile.

Con il bonus facciata è possibile procedere alla restaurazione dell’esterno non solo di palazzi condominiali, formati da almeno due unità abitative diverse, ma anche di case singole come ville o villette con una sola unità abitativa.

Come per gli altri bonus, anche in questo caso il rimborso avviene nel corso di 10 anni con una rata fissa annuale. La differenza rispetto agli altri incentivi è che per il rifacimento della facciata non c’è un tetto massimo di spesa. Mentre per gli interventi di restaurazione non si possono superare i 96.000 euro (nel caso dei condomini va considerata la spesa sostenuta per la singola unità), il bonus non ha alcun limite. In questo modo si possono mettere in sicurezza gli edifici e riqualificarli investendo di più, ma con rimborsi più alti.

Quando si applica il bonus fiscale

La grande novità del disegno di legge di Bilancio 2020, presentato nella bozza del 30 ottobre, è che lo sconto si applica anche alla manutenzione ordinaria. I lavori interessano tutti quegli interventi finalizzati al recupero della facciata degli edifici, come l’intonacatura, la verniciatura, il rifacimento di ringhiere, decorazioni, marmi di facciata, balconi.

A questi si vanno ad aggiungere impianti d’illuminazione, pluviali, cavi che portano il segnale televisivo. Sarà possibile dare un nuovo volto al palazzo o alla villetta tinteggiando, ma anche rinnovando i prospetti. Tra questi non bisogna dimenticare la sostituzione dei pavimenti dei balconi, di balaustre e fregi, ma anche i canali di grondaie e tutti i sistemi di smaltimento delle acque piovane. Per migliorare la sicurezza, nel bonus sono inclusi anche i lavori per mettere sotto traccia i cavi elettrici esterni.

Inoltre, è possibile far rientrare nel bonus facciata, anche l’ammodernamento o la realizzazione di lavori per il risparmio energetico, ottenendo la detrazione del 90% anziché quella precedente che aveva come tetto massimo il 65/75% di rimborso.

Gli altri bonus

La detrazione delle facciate non è l’unica agevolazione a cui attingere se abbiamo deciso di rinnovare e dare un nuovo look alla casa. Vediamo gli altri incentivi. La prima detrazione da prendere in considerazione è quella del bonus mobili. Per chi ha deciso di rendere la casa sempre più ecosotenibile, con un occhio al portafoglio, è possibile usufruire di una detrazione pari al 50% per le spese documentate, per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici appartenenti alla classe A+.

Se abbiamo deciso di dare un nuovo look al bagnorendere più funzionale la camera da letto o il soggiorno, allora possiamo dare il via ai lavori perchè nel disegno di legge verrà riconfermato il bonus ristrutturazione edilizia pari al 50% che può essere associato all'ecobonus. Per i lavori di riqualificazione energetica, che comprendono l'installazione di pannelli solari, caldaie e la rimozione di tetti in amianto, si può usufruire di una detrazione che va dal 65% al 50% in base alla tipologia di lavoro e al grado di efficientamento energetico raggiunto.

Oltre a questi ci sono altre detrazioni volte alla sicurezza degli edifici, come il sismabonus che può essere usato per aumentare la sicurezza delle case nelle zone a rischio terremoto e può arrivare fino all'85% e l’ecobonus condominiale, in vigore fino al 2021 che contempla un rimborso fino al 70/75%, a seconda dei casi.

Ristrutturazioni a Brescia

Provincia artigiana per eccellenza, non mancano nel Bresciano gli specialisti della ristrutturazione di casa: tra questi, ovviamente, anche aziende e in prese in grado di intervenire sulla facciata di palazzi e condomini. Solo per citarne alcune: a Brescia segnaliamo Renovations in Via Chiusure 238 (telefono 392 8270720), Eurocostruzioni in Via Rodi 27 (telefono 389 7879577), in provincia Gi.Vi.Edil in Via Bona a Rovato (telefono 392 2421157) e Cornelli Costruzioni in Via XX Settembre a Calcinato (telefono 030 9969084).

Prodotti online per la ristrutturazione delle facciate

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus facciata a Brescia: come ottenere rimborsi fino al 90%

  • Raccolta differenziata, chi la fa meglio: i Comuni bresciani dove si ricicla di più

  • Fornaci: un bando per valorizzare l’immobile abbandonato di Via del Mella

  • Termocamino: alternativa efficiente agli impianti di riscaldamento tradizionali

  • Tre ore al giorno attaccati allo smartphone: sempre connessi, dal bagno al divano

  • Idromassaggio, sauna e bagno turco: ecco la doccia multifunzione

Torna su
BresciaToday è in caricamento