Studenti fuori sede: quanto costa l'affitto nelle principali città italiane

Crescono gli affitti nelle principali città italiane frequentate anche dagli studenti fuori sede di Brescia e provincia

Sono a decine ogni anno gli studenti bresciani che lasciano la città e la provincia per andare a studiare fuori sede, in alcune delle principali città italiane: a livello nazionale, gli studenti universitari sono addirittura il 9,4% del totale di tutti coloro che cercano una casa in affitto. Lo rileva un recente studio di Tecnocasa sul tema delle locazioni degli universitari: il 57% degli utenti cerca casa in affitto come prima casa, abitazione principale, il 33,6% lo fa per motivi legati al lavoro e appunto il 9,4% per motivi legati allo studio.

Una percentuale molto altalenante, fa sapere ancora Tecnocasa, perché soggetta a stagionalità, con numeri in aumento nel secondo semestre dell'anno. Ma quanto costa affittare casa nelle principali città italiane?

I dati del secondo semestre del 2018

Nel secondo semestre del 2018 i canoni di locazione delle grandi città sono in aumento: +2,3% per i monolocali, +2% per i bilocali e +1,6% per i trilocali. Su tutte le tipologie gli affitti sono in aumento, un segnale attribuibile prevalentemente a una diminuzione dell'offerta e al contempo a una migliore qualità della stessa.

Tra le grandi città italiane è Torino quella che primeggia tra chi cerca per motivi di studio, arrivando fino al 31%. Segue la sempreverde Milano, con il 28,4%. Per quanto riguarda l'analisi del target di studenti, le tipologie più affittate sono il bilocale (36,1%) e il trilocale (32,1%), mentre i contratti maggiormente stipulati sono (inevitabilmente) quelli transitori.

Studenti in affitto

I ragazzi che cercano casa sono attenti alla distanza dalla facoltà universitaria per abbattere i tempi di spostamento, la presenza dei servizi, la tranquillità della zona oltre che lo stato dell'immobile e il suo arredamento. Spesso l'appartamento è condiviso con amici e coinquilini per poter risparmiare. La notevole domanda di posti letto, l'offerta non sempre adeguata e – in alcune città – anche in diminuzione, stanno spingendo diversi investitori verso operazioni di student housing o, comunque, alla creazione di nuovi posti letto.

Quanto costa l'affitto

Questi sono i canoni medi mensili in alcune delle città più frequentate da studenti anche bresciani. A Milano un monolocale può costare circa 600 euro al mese, un bilocale arriva a 800 e un trilocale anche a 1040 euro al mese. Appena più bassi i costi di Roma: nella capitale un monolocale costa in media 580 euro al mese, un bilocale 750, un trilocale 920. Decisamente più economica l'offerta di Torino: all'ombra della Mole un monolocale costa solo 270 euro al mese, un bilocale 380, un trilocale meno di 500 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma i prezzi calano o salgono? La tendenza è quella di una crescita, ma diversificata nelle varie città. A Milano gli aumenti variano dal 3,5% in più di un trilocale ai 4,2 e 4,3% in più di monolocali e bilocali. Più contenuti gli aumenti di Torino, dove i bilocali crescono dell'1,7% e i tricolati dell'1,1. Stabili i costi degli affitti a Roma: +0,7% per un monolocale, +0,3% per un bilocale, invariati i costi per un trilocale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tecnica dell’idrocoltura per le piante: cos’è e come funziona

  • Come affittare una casa vacanze

Torna su
BresciaToday è in caricamento