Lago di Garda: aperto il bando per l'assegnazione di case popolari

Aperto il bando per l'assegnazione di alloggi popolari per l'Ambito territoriale 11 del lago di Garda, in tutto una ventina di Comune: come fare domanda

Sono più di venti i Comuni del lago di Garda che fanno parte dell'Ambito territoriale 11, e sono dunque interessati dal nuovo bando per l'assegnazione delle unità abitative destinate ai Servizi abitativi pubblici (ex Edilizia residenziale popolare): dal 30 gennaio scorso è possibile presentare domanda, il termine ultimo è fissato per le ore 16 del 31 marzo prossimo. A questo link è possibile consultare il bando completo.

Questi i municipi interessati dal bando: Desenzano del Garda, che è il Comune capofila, e poi Bedizzole, Calvagese della Riviera, Gardone Riviera, Gargnano, Limone sul Garda, Lonato del Garda, Magasa, Manerba del Garda, Moniga del Garda, Padenghe sul Garda, Polpenazze del Garda, Pozzolengo, Puegnago del Garda, Salò, San Felice del Benaco, Sirmione, Soiano del lago, Tignale, Toscolano Maderno, Tremosine, Valvestino.

Come presentare domanda

La domanda può essere presentata per un’unità abitativa adeguata localizzata nel comune di residenza del richiedente o anche nel comune in cui il richiedente presta attività lavorativa, secondo quanto indicato all’articolo 9 comma 2 del regolamento regionale n. 4/2017 e s.m.i. Nel caso in cui non siano presenti unità abitative adeguate nel comune di residenza e nel comune di svolgimento dell’attività lavorativa, la domanda può essere presentata per un’unità abitativa adeguata, localizzata in un altro comune appartenente allo stesso piano di zona del comune di residenza o del comune di svolgimento dell’attività lavorativa del richiedente. 

I cittadini interessati a partecipare possono prendere visione dell'avviso pubblico sui siti web istituzionali degli enti proprietari e gestori, e sul Bollettino ufficiale di Regione Lombardia: è possibile ritirare l'avviso anche in forma cartacea, nelle sedi comunali. Chi necessitasse di usufruire di assistenza nella fase di presentazione della domanda è pregato di contattare il Comune di residenza per verificare giorni, orari e modalità di accesso al servizio. E' bene ricordare che la domanda può essere presentata esclusivamente in modalità digitale, utilizzando la piattaforma informatica regionale raggiungibile a questo link.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I requisiti per presentare domanda

Possono presentare domanda di partecipazione al presente avviso i nuclei familiari che alla data di presentazione della domanda siano in possesso dei requisiti e condizioni indicati nei punti che seguono:

  • cittadinanza italiana o di uno Stato dell’Unione europea ovvero condizione di stranieri titolari di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo ai sensi del decreto legislativo 8 gennaio 2007, n.3 (Attuazione della direttiva 2003/109/CE relativa allo status di cittadini di Paesi terzi soggiornanti di lungo periodo) o di stranieri regolarmente soggiornanti in possesso di permesso di soggiorno almeno biennale e che esercitano una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo ai sensi dell’articolo 40, comma 6, del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 (Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero), ovvero di stranieri che, in base alla normativa statale, beneficiano di un trattamento uguale a quello riservato ai cittadini italiani ai fini dell’accesso ai servizi abitativi pubblici comunque denominati;
  • residenza anagrafica o svolgimento di attività lavorativa nella regione Lombardia per almeno cinque anni nel periodo immediatamente precedente la data di presentazione della domanda;
  • indicatore di situazione economica equivalente (ISEE) del nucleo familiare, calcolato con i criteri stabiliti dalla normativa statale di riferimento non superiore ad euro 16.000 e valori patrimoniali, mobiliari ed immobiliari, del medesimo nucleo familiare determinati come di seguito indicato: per i nuclei familiari composti da un solo componente la soglia patrimoniale è determinata nel valore di euro 22.000,00; per i nuclei familiari con due o più componenti, la soglia patrimoniale è determinata nel valore di euro 16.000,00 + (euro 5.000,00 x il Parametro della Scala di Equivalenza). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Come avere una casa sempre calda anche d'inverno

  • Come pulire i termosifoni per l’inverno

  • Le 10 regole del coinquilino perfetto

  • Come riscaldare il balcone in inverno

  • Come funziona un'idrostufa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento