Il meglio del barbecue a Brescia: negozi e offerte

Il meglio del barbecue a Brescia, giusto in tempo per la primavera: piccolo vademecum sulle grigliate all'aperto, tra negozi storici e grandi marchi

Sboccia la primavera, si allungano le giornate, il sole spende alto nel cielo: una vasta gamma di circostanze che gli appassionati di barbecue aspettavano con ansia. Una tradizione anche bresciana, con le inevitabili sfaccettature bresciane: carne alla griglia di tutti i tipi, chiaro, accompagnate dalle immancabili salamine, insomma i celebri strinù.

La storia del barbecue

Un interessante excursus storico è stato raccontato dagli esperti di Braciami Ancora: a quanto pare l'origine del termine “Barbecue” è ancora oggi avvolta nella leggenda. Sono due le storie che si accompagnano all'etimologia della grigliata per eccellenza: la prima rimanda all'America Centrale, negli anni dei conquistadores spagnoli. I soldati iberici si trovanrono di fronte alle tribù indiane del Taino, che utilizzavano una particolare tecnica di cottura delle carni utile, così sembra, alla loro conservazione anche con un clima tutt'altro che favorevole (caldo e umido, e tutto l'anno).

Nello specifico, la carne (e il cibo in generale) veniva disposta sopra un graticcio di legno, sospeso a sua volta su uno strato di braci di legna. Cottura lenta e tanto fumo rendevano memorabili i sapori di quelle carni. E la scoperta sarebbe stata subito esportata nel mondo occidentale, con varie vicissitudini (e miglioramenti) fino al Bbq di stampo americano, forse il più celebre. Ma il nome? Gli autoctoni chiamavano “Barbacoa” i graticci di legno utilizzati per la cottura.

La seconda leggenda

Leggenda o verità, c'è un'altra storia che si tramanda. L'origine stavolta sarebbe francese: i conquistadores transalpini, sempre nelle Americhe, avrebbero assaggiato una capra cotta alla griglia, cucinata in modo molto simile al “Barbacoa” di poche righe fa. L'avrebbero mangiata per intero, dalla barba alla coda, in francese “De la barbe a la queue”. Da qui la nascita del termine che utilizziamo ancora oggi. Versioni discordanti sull'etimologia linguistica, ma molto simili sull'origine antropica del barbecue moderno.

Barbecue a Brescia

Dopo cotanta scorpacciata di storia, è tempo di rimboccarsi le maniche, preparare la carbonella (o perché no il legno d'ulivo, tra i migliori per la griglia) e cominciare a cucinare. Ricette a parte, per chi non l'avesse fatto è il tempo anche di acquistare un barbecue nuovo di zecca. A Brescia e provincia sono due in particolare le aziende specializzate sul tema: su tutti lo storico Ferraboli di Prevalle, operativo dal 1964 e che deve la sua fama alle macchine per lo spiedo, ai girarrosti e alle graticole. Altro noto produttore (e venditore) è il Bbq Store di Viale Duca degli Abruzzi, a Brescia città: nel parterre dei prodotti si contano ben 15 modelli diversi di barbecue, che siano elettrici o a gas.

La grande distribuzione

Impossibile non citare poi i marchi della grande distribuzione, i supermercati del fai da te nel cui assortimento ovviamente non mancano mai i barbecue di produzione italiana o internazionale. Solo per citarne alcuni, a Brescia e nell'hinterland:

  • Brico Brixia in Viale Europa a Concesio
  • Obi in Via Mandolossa a Roncadelle
  • Ikea Brescia presso Elnòs Shopping in Via Luigi Einaudi a Roncadelle
  • Leroy Merlin in Via Genova a Brescia
  • Obi in Via Vulcania a Castenedolo
  • Bricoman in Via Romarina Massardi a Rezzato 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manutenzione obbligatoria caldaia: quanto costa e a chi rivolgersi

  • Volenterosi agricoltori cercasi: terreni gratuiti messi a disposizione dal Comune

  • Canipa e limonaia del XIII secolo: a Gargnano "residenze smart" per studenti e famiglie

  • Rimedi naturali per eliminare gli insetti dalla dispensa

  • Albero di Natale per la casa o il giardino: dove comprarlo a Brescia

  • Vernici ecologiche: prodotti naturali per colorare i muri di casa

Torna su
BresciaToday è in caricamento