rotate-mobile
Domotica

Conto alla rovescia per lo switch: i nuovi decoder per il digitale terrestre

Da martedì 8 marzo un altro passaggio verso il nuovo digitale terrestre

Il nuovo digitale terrestre prende forma sempre più concreta: il prossimo switch, anche in Lombardia, è previsto per martedì 8 marzo con l'attivazione della codifica Mpeg-4 per la trasmissione di tutti i programmi delle emittenti televisive nazionali. Questo significa che i canali che verranno trasmessi in Mpeg-4, visibili in alta qualità, saranno posizionati nei primi numeri del telecomando (dal numero 1 al numero 20): ad esempio, il canale Rai 1 HD, attualmente visibile al 501, verrà spostato al numero 1 mentre la versione in qualità standard (SD) verrà posizionata al numero 501.

Prossima tappa martedì 8 marzo

Tutti i canali che saranno trasmessi con la nuova codifica Mpeg-4 potranno essere visualizzati correttamente solo da televisori e decoder in grado di supportare la qualità HD, cioè alta definizione. Per verificare che il nostro apparecchio sia compatibile, si può provare a vedere i canali che attualmente sono già disponibili in alta qualità: dal citato Rai 1 HD al canale 501, oppure il 505 per Canale 5 HD e il 507 per La7 HD. Non è necessario che tutti i canali in HD siano visibili: se almeno uno di questi lo è, allora la tv o il decoder sono compatibili con la codifica Mpeg-4. 

Bonus Tv da 100 euro: come funziona e come ottenerlo

I decoder a scomparsa

Per chi ne fosse sprovvisto, è giunto allora il momento di attrezzarsi: sia acquistando una nuova televisione che, oppure, un nuovo decoder. In tal senso ne esistono dei modelli accattivanti, i cosiddetti decoder a scomparsa: di fatto sono dei “mini-decoder” che si collegano nella parte posteriore della televisione così da essere letteralmente invisibili.

Anche l'installazione è alquanto semplice: il mini-decoder andrà infatti inserito in una delle porte usb presenti sul retro del nostro apparecchio. Andrà poi collegato all'alimentatore, e sarà finalmente pronto all'uso, pronto per la prima nuova sintonizzazione.

Le funzioni del mini-decoder

I decoder a scomparsa, proprio come i modelli più classici (ma sempre di ultima generazione), possono interagire anche con i tablet e gli smartphone. Nel segno della domotica, sarà possibile controllarne le varie funzioni anche a distanza, avendo così un telecomando ad hoc sempre a portata di mano (anzi, di dito). 

Alcuni modelli di mini-decoder sono inoltre attrezzati per ulteriori attività multimediali: possono infatti funzionare come una chiavetta usb, e quindi accogliere video, musica e fotografie da trasmettere direttamente sulle tv di casa. 

Prodotti online

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conto alla rovescia per lo switch: i nuovi decoder per il digitale terrestre

BresciaToday è in caricamento