Come scegliere la sedia gaming adatta ai veri appassionati

Come per lo studio e il lavoro, anche gli appassionati di gaming hanno bisogno di una poltrona comoda ed ergonomica

Appassionati gamer, a raccolta: è questa l'occasione migliore per scoprire qual è la poltrona adatta alle vostre esigenze, per far riposare le natiche nelle lunghe sessioni di gioco, online e non solo, ma pure per limitare le complicazioni (e i fastidi) a busto e schiena. Non è la stessa cosa, ne siamo consapevoli: stiamo parlando di videogiochi e non di studio o lavoro. Ma se per lo studio e per il lavoro, soprattutto ora che c'è la Dad e lo smart-working, è necessaria una seduta mai così ergonomica, lo stesso vale per chi passa molto tempo davanti a pc e console in quanto gamer.

A proposito di ergonomia

Partiamo proprio dall'ergonomia: da definizione, l'ergonomia si occupa di individuare le soluzioni più idonee alle esigenze di chi lavora, dalla comodità all'efficienza, e dunque una poltrona più è ergonomica e più è adatta a questi scopi. Anche al gaming, ricordandoci quali sono le componenti fondamentali su cui puntare i riflettori:

  • regolazione dell'altezza
  • braccioli
  • supporto lombare
  • supporto collo e testa
  • schienale reclinabile
  • poggiapiedi.

I modelli disponibili

Una volta verificata la presenza degli accessori citati poc'anzi, possiamo cominciare a ragionare sulla tipologia di sedie da gamer disponibili sul mercato, quindi dal punto di vista del design e dei modelli (tra poche righe ci occuperemo anche dei materiali, state tranquilli). Non dimentichiamoci di alcune funzioni extra, certo più costose ma per gli appassionati questo e altro: gli altoparlanti integrati o un sistema di vibrazione, solo per citarne un paio.

Questi sono i modelli più diffusi:

  • a sacco, in stile puff;
  • racing, come un sedile delle auto da corsa;
  • da ufficio, appunto come una sedia da ufficio;
  • a dondolo, specializzata per le console.

La scelta dei materiali

In ultimo ma non per importanza, la scelta dei materiali. Come abbiamo già detto, anche questa è una componente fondamentale per confort e durata. Per quanto riguarda l'imbottitura, consigliamo in particolare la fibra di poliestere (la più economica), il poliestere compresso, la gommapiuma, la schiuma (la più costosa) e infine il memory foam. Per il rivestimento passiamo dalla classica stoffa all'ecopelle: la prima si sporca più facilmente, la seconda invece tende a rovinarsi con il passare del tempo. A voi la scelta.

Prodotti online

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus Verde: detrazioni fino a 1.800 euro per lavori in giardino

  • Tutto quello che c'è da sapere prima di comprare una lavatrice

  • Come pulire la casa con la forza del vapore

Torna su
BresciaToday è in caricamento