Salute

Servizi assistenziali, disabilità e fragilità: 70 posti in più in provincia di Brescia

In tutta la Regione più di 7 milioni di euro per 476 posti aggiuntivi per i servizi territoriali: ecco cosa cambia in provincia di Brescia

Con un investimento di oltre 7 milioni di euro, a carico di Regione Lombardia, saranno 476 i posti aggiuntivi a contratto, per i servizi territoriali a favore dei cittadini malati cronici, fragili e vulnerabilità. Una buona notizia che riguarda anche la provincia di Brescia, che in tutto potrà contare su una settantina di posti in più, e sostegni economici per oltre 1 milione di euro. Lo ha reso noto l'assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, illustrando il Piano di riparto dei posti aggiuntivi per la cura e l'assistenza residenziale e semiresidenziale per la disabilità e la fragilità.

La delibera regionale

“Ci siamo concentrati – spiega Gallera – sulle aree nelle quali l'offerta risultava sottodimensionata rispetto alla media regionale. Il mio obiettivo è stato quello di rendere omogenea, in tutta la Lombardia, la rete dei servizi socio-assistenziali affinché ogni cittadino potesse trovare vicino a casa le risposte che cerca”.

Tutto questo con un'apposita delibera, sulla gestione del sistema socio-sanitario, che ha identificato gli ambiti di maggiore sofferenza della rete territoriale. Un vero e proprio “algoritmo”, dice ancora Gallera, in cui sono state inserite le “variabili di sistema”: le aree regionali in cui i servizi risultano attualmente sottodimensionati rispetto alle dotazioni medie regionali, la crescita dei bisogni legati alla fragilità, la prossimità dell'offerta territoriale.

Come detto, sono circa una settantina i nuovi posti già accreditati ma messi a contratto anche in provincia di Brescia (e dintorni). Vediamo i dettagli.

Ats Montagna: 54 posti in più per disabilità e fragilità

Sono 54 i posti aggiunti a contratto inseriti nella rete dei servizi socio-assistenziali per l'Ats Montagna, che include le province di Brescia e Sondrio. Per quanto riguarda l'Asst Valcamonica si prevedono 5 posti alla Residenza sanitaria per disabili di Pisogne e 14 posti al Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie di Malegno. Sono state stanziate infine risorse aggiuntive fino a 24mila euro per l'Assistenza domiciliare integrata e 59mila euro per le Cure palliative domiciliari. All'Ats Montagna sono stati assegnati anche 225mila euro per il potenziamento delle attività di Neuropsichiatria.

Ats Brescia: 11 posti in più e 700mila euro

Sono invece 11 i posti aggiuntivi a contratto inseriti nella rete dei servizi socio-assistenziali per l'Ats Brescia. In particolare, si prevedono 5 posti in più per il Centro diurno disabili di Rudiano e 6 posti in più per la Comunità sociosanitaria per disabili Civico 14 di Chiari.

Risorse aggiuntive pari a 119mila euro sono state stanziate anche per l'Assistenza domiciliare integrata. Infine, all'Ats Brescia sono stati assegnati 700mila euro per il potenziamento delle attività di Neuropsichiatria. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizi assistenziali, disabilità e fragilità: 70 posti in più in provincia di Brescia

BresciaToday è in caricamento