Gara di solidarietà per il nuovo defibrillatore: donato da una coppia di benefattori

Raccolti in pochi giorni più di 2.500 euro: i soldi sono stati spesi per acquistare un nuovo defibrillatore e per finanziare le attività di Fallo col Cuore

Il nuovo defibrillatore - Foto © Bresciatoday.it

Un defibrillatore per Castrezzone: è il primo (e unico) della frazione di Muscoline. E' stato posizionato in una teca riscaldata all'esterno del bar Il Numero 18, proprio di fronte alla scuola materna Marco Pedrali: grande festa in paese, per un supporto alle emergenze fino ad oggi inedito, e protagonista di una vera e propria gara di solidarietà. Erano già stati raccolti più di 400 euro per l'acquisto, quando una coppia di benefattori – che preferiscono restare anonimi – hanno donato di tasca propria i 2mila euro (e più) necessari per comprarlo.

Perché un defibrillatore a Castrezzone

L'idea di acquistare un defibrillatore è venuta ai titolari del bar Alberto e Sonia, e con loro la figlia Karen: negli ultimi mesi, infatti, in zona si sono verificati due eventi tragici. Il primo nel febbraio scorso, quando purtroppo perse la vita il 76enne Bruno Filippini di Gavardo, colto da un malore mentre stava tornando a casa dopo una passeggiata. Il secondo invece poco più di un mese fa, ma con un lieto fine: la mattina del 10 ottobre scorso il commissario capo della Polizia Locale di Brescia, Francesco Natoli, si era infatti accasciato sul tavolo, ancora prima di ordinare il caffè. E' stato salvato grazie al provvidenziale intervento di Lorena, infermiera da poco in pensione: rianimato a lungo, è stato trasferito d'urgenza al Civile. Adesso è tornato a casa, e sta bene.

Una gara di solidarietà

“Un grazie speciale a chi ha contribuito – hanno detto i titolari del bar in occasione della festa d'inaugurazione del nuovo defibrillatore – e in particolare a quella coppia di gentili donatori che hanno deciso di finanziare l'intera somma. Davvero un dono di cuore”. A proposito di solidarietà: i 402 euro raccolti fino alla preziosa donazione, sono già stati consegnati all'associazione Fallo col Cuore di Vallio Terme, che tra l'altro già si era occupata di posizionare il primo defibrillatore del paese, in piazza a Muscoline.

Presente anche il sindaco Giovanni Benedetti, che annuncia il primo corso di primo soccorso della storia di Castrezzone: durerà in tutto 16 ore, di cui 5 dedicate all'uso del defibrillatore. “Anche il nuovo defibrillatore – ha spiegato – sarà inserito nella mappa regionale di Areu Lombardia, inserita in una rete interattiva utile anche per le ambulanze che dovranno intervenire in zona”. “Siamo rimasti tutti emozionati da questa vicenda – ha poi aggiunto il parroco don Luigi Ghitti – ma c'è sempre qualcosa da imparare: in questa società superficiale, dove siamo sempre di corsa, dobbiamo imparare ad aprire gli occhi, e a guardare le persone che abbiamo intorno”.

Il nuovo defibrillatore

Il nuovo defibrillatore semiautomatico è un Samaritan Pad 350P, progettato specificatamente per l'uso in arre pubbliche, attrezzato sia per l'utilizzo adulto che pediatrico. E' il più leggero (poco più di un chilo) e più piccolo di tutti i defibrillatori: grazie alla tecnologia wi-fi è in grado di trasmettere in tempo reale la posizione al 112, durante il suo utilizzo, e di inviare al medico l'elettrocardiogramma del paziente su cui viene attivato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così ritornerà la zona gialla, con coprifuoco alle 24 e ristoranti aperti a cena

  • Francesca presa a calci e pugni in faccia, poi soffocata e stuprata: "Una cosa mai vista"

  • Quando ci si potrà spostare tra regioni: c'è una data per maggio 2021

  • Il lago in burrasca fa paura: le onde travolgono il cantiere della passeggiata

  • "Mi tradiva con Stefano, avevo paura che mi portasse via i figli: ho perso la testa"

  • Trovato un cadavere senza testa: è della donna scomparsa da 2 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento