Meningite, paura epidemia: vaccinazioni a tappeto nelle scuole e nelle aziende

Sono già più di 5mila le persone vaccinate tra Brescia e Bergamo: la campagna prosegue coinvolgendo anche i medici di base. Per le autorità non c'è nessuna emergenza

Vaccinazioni a tappeto non solo nei centri ma anche nelle scuole (che non chiuderanno) e nelle aziende, oltre all'istituzione di un bollettino giornaliero e un canale di comunicazione dedicato per condividere, in primis con i sindaci, tutte le informazioni su ciò che sta accadendo. Sono queste le principali decisioni assunte dopo il vertice in Prefettura a Bergamo sull'emergenza meningococco, a cui ha partecipato anche l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera: in pochi giorni sono state vaccinate più di 5.000 persone, 3mila in provincia di Bergamo e 2mila in provincia di Brescia.

Le vaccinazioni

Dal 27 dicembre sono stati aperti i primi ambulatori straordinari a Villongo e Sarnico: a questi si sono aggiunti i centri di Iseo, Paratico, Predore, Credaro e Gandosso, cui seguirà anche un nuovo ambulatorio a Castelli Calepio: è qui che si è registrato l'ultimo episodio, a danno di un ragazzo di 16 anni che è stato ricoverato d'urgenza al Giovanni XXIII di Bergamo, ma le cui condizioni sarebbero in miglioramento.

Rispetto al caso di Castelli Calepio sono già state profilassate le 72 persone che negli ultimi giorni hanno avuto contatti con il ragazzo. “A tutti gli altri – ha spiegato l'assessore Gallera – consigliamo la vaccinazione, che offriamo anche a chi lavora sul territorio”. “Non c'è assolutamente carenza di vaccini – ha poi aggiunto Galleria – E' normale che non si trovino in farmacia, dove ci sono poche dosi destinate a chi viaggio”.

Nessuna emergenza

Non c'è nessuna emergenza, ribadiscono le autorità sanitarie. “Se si interviene come si sta facendo – dice Gianni Rezza, il direttore del Dipartimento Malattie infettive dell'Istituto superiore di sanità – dunque mettendo in atto una vaccinazione di massa, il focolaio si può circoscrivere. Il rischio di un'epidemia su larga scala è molto basso, perché si sta intervenendo in modo rapido e massivo”. Come detto saranno vaccinati tutti gli studenti (e il personale) delle scuole superiori, sia del Basso Sebino che nella zona di Grumello.

Vaccinazioni in provincia di Brescia

Lunghe code agli sportelli, anche in provincia di Brescia. Sono queste le ultime ore per le vaccinazioni programmate negli ambulatori straordinari di Iseo e Paratico: ma il piano vaccinale non si ferma, coinvolgendo anche i medici di base e i pediatri di famiglia, a partire dal 7 gennaio. Questi invece gli orari degli ambulatori

  • Iseo, sede vaccinale di Via Giardini Garibaldi: lunedì 6 gennaio dalle 9 alle 12
  • Paratico, ambulatorio medico di Via Madruzza: lunedì 6 gennaio dalle 9 alle 12

Il caso meningite sul lago d'Iseo

Sono cinque i casi di infezione da meningococco registrati nella zona del basso lago d'Iseo in poco più di un mese. Ai primi di dicembre era deceduta in ospedale la 19enne Veronica Cadei, studentessa alla Cattolica di Brescia: solo pochi giorni fa lo stesso destino era toccato a Marzia Colosio, mamma di 48 anni morta per lo stesso motivo. Nel mezzo i due ricoveri in ospedale di altre due persone residenti a Villongo, una ragazza di 16 anni e un operaio di 36 al lavoro alla Oldrati di Adro, fino all'ultimo episodio, con il ricovero d'urgenza di un 16enne di Castelli Calepio, che a quanto pare sta già meglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palpeggia e molesta due ragazzine: pestato a sangue nel parcheggio

  • Arrivano una Smart e una Fiat 500, poi lo scambio di droga: arrestato cantante

  • Ragazzo morto tra le braccia delle fidanzata: i risultati dell'autopsia

  • Malore improvviso in casa, muore giovane mamma: "Non voglio crederci"

  • In bicicletta sull'autostrada A4: muore sul colpo travolto da un'auto

  • Morto l'imprenditore Renato Martinelli: ucciso in tre mesi dalla malattia

Torna su
BresciaToday è in caricamento