Meningococco, conclusa la fase straordinaria: vaccinate quasi 35.000 persone

Si è ufficialmente conclusa la fase straordinaria di vaccinazioni per contrastare l'emergenza meningocco: in poche settimane vaccinate più di 33.000 persone

Si è conclusa in questi giorni la campagna straordinaria di vaccinazioni in contrasto al meningocco di tipo C, il batterio che avrebbe causato almeno cinque casi (tra cui due decessi, più un sesto caso ma non dello stesso ceppo) nella sola zona del Basso Sebino: in poche settimane sono state vaccinate più di 33.500 persone, più dei residenti della seconda città della provincia di Brescia, raggiungendo punte superiori al 70% tra i target previsti. Nel dettaglio, come riferiscono le Agenzie di tutela della salute di Bergamo e Brescia, sono più di 20mila i residenti nel Bergamasco e più di 10mila i bresciani vaccinati, in 14 ambulatori straordinari, nelle scuole e negli studi dei medici di base e dei pediatri di libera scelta.

Le vaccinazioni continuano

“Non abbasseremo la guardia – spiega l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera – e da lunedì 20 gennaio è possibile ancora vaccinarsi gratuitamente con i medici di base e i pediatri di libera scelta nei loro studi professionali. Proseguiranno, inoltre, le vaccinazioni programmate nelle scuole e nelle aziende che hanno manifestato la disponibilità ad ospitarle secondo il calendario già definito. Rimarrà aperto l'ambulatorio straordinario di Villongo e continuerà l'attività delle sedi vaccinali di Sarnico, Grumello del Monte e Iseo”.

Per quanto riguarda le scuole bresciane, la vaccinazioni proseguiranno lunedì, martedì e mercoledì (dalle 9 alle 16) all'istituto Falcone di Palazzolo sull'Oglio, dove sono prevista circa 850 vaccinazioni. Lo stesso numero di persone, studenti e personale dipendente, saranno vaccinate anche all'istituto Marzoli, sempre a Palazzolo, nelle giornate di giovedì, venerdì e sabato.

La cintura vaccinale

La cintura di sicurezza vaccinale straordinaria è stata avviata dalla Regione a partire dalla vigilia di Natale: sono state offerte vaccinazioni gratuite ai residenti e ai lavoratori stanziali nelle aree del Basso Sebino e di Grumello, di età compresa tra i 18 e i 60 anni, oltre alla fascia di adolescenti fino a 18 anni, anticipando la chiamata già prevista dal piano regionale. 

“Nei Comuni della provincia di Bergamo – dice ancora Gallera – hanno effettuato la vaccinazione 21.331 cittadini, di cui 1.680 studenti e 2.414 lavoratori. Ben 40 medici di base del territorio hanno aderito a questa mobilitazione senza precedenti. Nel Bresciano, invece, i vaccinati negli ambulatori speciali sono stati più di 9.200, a cui si aggiungono 1.700 persone a cura di medici di base e pediatri, 1.000 studenti e 300 lavoratori, per un totale di 12.200 cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Svuota le casse dell’azienda, compra borse e auto di lusso: nei guai impiegata

  • Terribile incidente: precipita elicottero, morto dirigente d'azienda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento