Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

Non è una patologia grave, ma può provocare problemi di tipo sociale e psicologico: ecco come combattere l'iperidrosi, l'eccessiva sudorazione

Non è una patologia grave o invalidante, ma è comunque discretamente diffusa: in particolare per le difficoltà di tipo sociale (o psicologico) che possono insorgere quando sudare troppo diventa un problema. Eppure la sudorazione è parte integrante del buon funzionamento del nostro organismo, quasi un sintomo di buona salute: serve ad abbassare la temperatura corporea, tramite evaporazione di acqua e a “liberare” il corpo dalle cosiddette sostanze di scarto (escrezione). Viene regolata dal sistema nervoso simpatico: la patologia relativa all'eccessiva sudorazione è chiamata iperidrosi.

L'iperidrosi

Esistono vari disturbi e patologie della secrezione del sudore, chiamate generalmente idrosi. Tra queste, appunto, anche l'iperidrosi: l'eccessiva sudorazione può essere psicogena, dovuta a malattie del sistema nervoso o del sistema endocrino oppure causata da menopausa e andropausa. Ma esistono delle forme di iperidrosi le cui cause non sono note.

Oltre all'iperidrosi, le altre patologie della secrezione del sudore sono l'anidrosi (la mancanza di sudorazione), l'ipoidrosi (scarsa sudorazione) e l'emiperidrosi, nota anche come iperidrosi unilaterale, che consiste nell'aumento della sudorazione ma solo in una parte del corpo. 

Come si combatte l'iperidrosi

A margine dell'eventuale causa scatenante, esistono delle buone pratiche che possono comunque limitare i danni. Consigli utili per ridurne gli effetti, tra cui il lavaggio quotidiano (e accurato) della parte ascellare, che di solito è la parte che più produce sudore, indossare abiti in fibra naturale e antitraspiranti, così come delle scarpe in pelle. In ultimo, meglio evitare le pietanze troppo calde o piccanti, le bevande alcoliche o quelle ad alto contenuto di caffeina, e pure ridurre il consumo di carne e formaggi.

Chirurgia mininvasiva per debellare l'ipoidrosi

Se ne parla anche su Profilo Salute, la rivista di salute, benessere e bellezza diretta da Luigi Cavalieri: come spiega Cristiano Maria Francucci, endocrinologo al San Pier Damiano Hospital di Faenza, a mali estremi si può pensare di intervenire chirurgicamente, eliminando il problema alla “radice”.

“L'intervento chirurgico, basato sull'interruzione dell'innervazione simpatica – scrive Francucci – è una procedura mininvasiva endoscopica, che interviene sui gangli della catena del sistema nervoso simpatico toracico per bloccare la sudorazione di palmi e ascelle. L'intervento viene eseguito in Day Hospital: occorrono dai 5 ai 10 minuti per lato per curare l'iperidrosi, e la durata complessiva dell'anestesia generale è di 30-40 minuti. La scomparsa dei sintomi è completa nel 98% dei casi di iperidrosi palmare e nel 95% di iperidrosi ascellare”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Si butta dalla finestra di casa, suicidio shock scuote il quartiere

  • Stroncato da una malattia a soli 54 anni, morto noto bassista bresciano

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento