Gruppo Carmeli tiene a cuore la salute: test sierologici in collaborazione con Progetto Servizi Srl

La sicurezza al primo posto da Gruppo Carmeli per dipendenti e clienti

Gruppo Carmeli è ufficialmente ripartita lunedì 4 maggio ma è da tempo che si è organizzata per salvaguardare la salute di dipendenti, collaboratori e clienti.  La nota concessionaria ufficiale dei marchi Renault, Dacia, Nissan, oltre che officina autorizzata anche per i brand Mercedes e Smart, ha reso ogni suo ambiente e veicolo in esposizione o in officina completamente igienizzato e continua a farlo attraverso l’utilizzo dei consueti dispositivi di sicurezza quali guanti, mascherine, gel igienizzanti e indicazioni comportamentali a disposizione di ogni lavoratore e cliente.  

I  PRIMI TESTI SIEROLOGICI REALIZZATI LA SCORSA SETTIMANA 
Da sempre attenta alla salute e alla sicurezza dei propri dipendenti, Gruppo Carmeli ha deciso fin da subito di investire nei test sierologici, fondamentali per sapere se una persona ha avuto - o sta avendo - il Covid-19. 
La volontà dell’AD Paolo Carmeli è stata quella di ridurre al minimo il rischio di contagio e contribuire alla piena sicurezza di dipendenti, collaboratori e clienti. Così, oltre a tutte le misure di prevenzione in atto, è nata una collaborazione con Progetto Servizi Srl - che a sua volta collabora con l'istituto ospedaliero Fondazione Poliambulanza di Brescia - per la realizzazione di questi test, utili per rilevare nell’uomo la presenza di anticorpi al virus.  

«La prevenzione e la salute di tutti», afferma l’amministratore delegato, «è al primo posto, soprattutto in un momento di difficoltà che attanaglia tutto il Paese. Sono orgoglioso di affermare che, essendoci mossi in anticipo, possiamo farci promotori dei test sierologici a livello aziendale: continueremo in quest’ottica di ottimizzazione della convivenza con il Virus, per offrire l’ambiente migliore dove lavorare e dove venire a trovare l’auto dei propri sogni.»

Da martedì 19 maggio sono iniziati presso Progetto Servizi Srl di Coccaglio (BS) i primi test ai dipendenti e continueranno accuratamente nei prossimi giorni, per garantire la piena sicurezza dell’ampio numero di dipendenti, collaboratori e clienti della concessionaria, oltre che di tutte le persone care a loro fianco. Questo progetto contribuirà ad avere, così, un quadro più realistico e veritiero della situazione attuale, nel cuore di una delle zone più colpite dalla pandemia.

UN IMPEGNO SOCIALE GIÀ DIMOSTRATO
Nel mese di marzo Gruppo Carmeli ha donato ai pazienti dell'ASST Franciacorta - Ospedale di Chiari venti smartphone dotati di SIM, utili per poter parlare con i propri familiari durante il periodo di lockdown. Per proseguire la collaborazione con il suddetto Ospedale e offrirgli un aiuto duraturo, è in corso di definizione una convenzione con i suoi dipendenti e collaboratori, i quali potranno usufruire di esclusivi vantaggi presso una delle sei sedi (presto otto) della concessionaria. Segnali di come le realtà di ogni settore possono dare il proprio contributo nella lotta contro il Coronavirus e qui, Gruppo Carmeli, è da tempo in prima linea.

Per maggiori informazioni: www.gruppocarmeli.com

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Terribile tragedia: bimba di 7 mesi muore soffocata da un palloncino

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Si sente male in classe, è positivo al tampone: nuova quarantena a scuola

  • Paurosa caduta dal bici, lo trovano in un bagno di sangue: è morto in ospedale

  • "Gentile cliente, il punto vendita chiude": 50 dipendenti scaricati con un cartello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento