Farmaci in vacanza: ecco quali portare

Dal paracetamolo alla crema idrocortisonica: consigli utili per riempire la valigia dei farmaci prima di andare in vacanza

Prima di partire per un lungo viaggio, una bella vacanza, che sia in Italia o all'estero, tanto vale di essere sicuri di non aver dimenticato niente: creme solari e abbronzanti in caso di mare e spiagge, abiti comodi e scarponi per la montagna, magari il frigorifero portatile per la nostra auto se decidiamo di partire in macchina. Ma c'è un'altra cosa, da non sottovalutare né tanto meno dimenticare: la cosiddetta “valigia dei farmaci”, cioè medicine e medicamenti da portare con noi, pronti all'uso in caso di necessità.

Ne parla la farmacista Antonella Boldini sull'ultimo numero di Profilo Salute, la rivista di salute, benessere e bellezza di Punto Farma: “Così come si prepara la valigia per un viaggio – scrive Boldini – è fondamentale organizzare in modo preciso la trousse con i farmaci indispensabili da portare in vacanza”. Vediamo quali sono.

Farmaci di base: per cominciare

Su tutti non possono mancare i fermenti lattici, da una parte, e prodotti anti-diarroici dall'altra. Soprattutto quando si viaggia all'estero, in Paesi lontani, dove si assaggiano cibi di diverse culture, spesso completamente diversi dai nostri, cucinati e conditi in maniera differente. E che dunque possono provocare fastidiose reazioni dal punto di vista digestivo. Altro consiglio utile: chiedete agli autoctoni se vale la pena bere l'acqua dal rubinetto.

Altri due farmaci a cui è impossibile rinunciare: una crema a base di idrocortisone, che può essere utile un po' per tutto. E dunque le irritazioni dei raggi solari, le punture d'insetto, le reazioni allergiche, insomma infiammazioni, arrossamenti e pruriti. Il secondo, ma non meno importante, è il celebre paracetamolo: il dosaggio consiglio da 500 milligrammi, è considerato l'antiepiretico per eccellenza (quindi, in caso di necessità, abbatte la febbre).

Creme, cerotti e pastiglie

Delle creme solari abbiamo già detto, così come di una crema a base di idrocortisone. Meglio attrezzarsi anche di un repellente per insetti, soprattutto nei viaggi in località marittime, soprattutto se in zone tropicali. Per lunghi viaggi in aereo, o in nave o in barca, è consigliato un anticinetosi per evitare i malesseri conseguenti: mal d'aria e mal di mare. 

Medicazioni e non solo: e quindi cerotti di varie forme e misure, piccoli e impermeabili, da utilizzare in caso si presenti la sfortunata occasione. E ancora una crema a base di cicatrizzante, che potrebbe interrompere rapidamente un eventuale sanguinamento.

Le vaccinazioni

Fondamentale, prima di viaggi intercontinentali, in Paesi tropicali, asiatici o del sud del mondo, verificare quali siano le malattie presenti in loco, ed eventualmente le vaccinazioni necessarie per neutralizzarle. Si può chiedere direttamente al proprio medico di base, oppure rivolgersi all'Asst del proprio territorio di competenza, oppure consultare la sezione dedicata del sito web del ministero della Salute. Non solo punture: per il tifo, ad esempio, il vaccino si prende in pillola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'azienda dolciaria degli orrori: sporcizia e lavoratori senza protezioni anti-covid

  • Addio a Cosetta, due paesi piangono una giovane madre

  • La Lombardia si avvicina alla zona arancione: c'è una data per sperare

  • Sesso di gruppo con una ragazzina: "Ho dato io l'idea, ma lei scelse gli uomini"

  • Il nuovo Decathlon bresciano è pronto: fissata la data d'inaugurazione

  • Positivo al Covid, viene respinto dai vicini in festa: lui li prende a fucilate

Torna su
BresciaToday è in caricamento