rotate-mobile
Salute

Nitrati nell'acqua potabile: 18 Comuni bresciani sorvegliati speciali

Il report di Ats sulla presenza di nitrati (NO3)

In tutta la provincia di Brescia sono 18 (su 205 totali) i Comuni considerati a rischio per quanto riguarda le concentrazioni di nitrati (NO3) nell'acquedotto, la cui soglia di sicurezza è stimata in 50 milligrammi per litro: i nitrati, ricordiamo, fanno parte del ciclo naturale dell'azoto e provengono, solitamente, dal dilavamento dei terreni con fertilizzanti e dall'ossidazione dell'ammonio in acque superficiali che ricevono scarichi civili e da allevamenti. La mappa dei nitrati bresciani, relativa ai prelievi del 2021, è pubblicata anche sul portale di Ats Brescia.

Tra i 18 Comuni “sorvegliati speciali” ce ne sono alcuni che, almeno una volta, hanno raggiunto il limite della soglia di sicurezza, ovvero 50 mg/l di nitrati: parliamo di Chiari, dove la quota è stata raggiunta il 9 dicembre dello scorso anno, Corzano (il 30 novembre), Dello (il 4 ottobre) e Rudiano (in due punti prelievo, il 3 dicembre). 

I Comuni a rischio

Altri invece a tale soglia si sono avvicinati parecchio: Azzano Mella, 49 mg/l rilevati il 24 giugno; Barbariga, 48 mg/l rilevati il 6 dicembre: Castegnato, 46 mg/l rilevati in più occasioni; Castrezzato, 40 mg/l; Lonato con 42 mg/l in due punti prelievo; Maclodio, 44 mg/l; Montichiari, 43 mg/l nella zona della Fascia d'Oro; Muscoline, 45 mg/l in territorio di San Quirico; Orzivecchi, 47 mg/l rilevati il 17 settembre; Paderno Franciacorta, 49 mg/l rilevati il 9 dicembre; Torbole Casaglia, 47 mg/l rilevati il 17 giugno; infine Travagliato, con 40 mg/l rilevati in due occasioni a giugno e agosto. 

All'elenco vanno aggiunti anche i due municipi più popolosi della provincia: il capoluogo, con 42 mg/l rilevati il 7 luglio nella zona della Mandolossa, e Desenzano del Garda, dove sono stati rilevati 42 mg/l nella zona di Montonale. Ma la variabile è ampia: nel quartiere di San Polo a Brescia, in Via Raffaello, si sono rilevati anche solo 12 mg/l; a Desenzano si è scesi sotto la soglia minima (5 mg/l) sia a San Martino che in centro storico.

I Comuni più virtuosi

Ci sono poi i Comuni più "virtuosi", dove è stata rilevata la soglia minima dei nitrati, ovvero pari a 5 milligrammi per litro: Alfianello, Bagolino, Bassano Bresciano, Borgo San Giacomo, Bovegno, Cigole, Collio, Gambara, Gardone Valtrompia, Gargnano, Gottolengo, Isorella, Magasa, Manerba (ma nella frazione di Gardoncino si è arrivati a 19 mg/l), Manerbio, Marcheno, Milzano, Moniga, Montisola, Nave, Offlaga, Pavone Mella, Pertica Alta, Pezzaze, Polpenazze, Pontevico, Pralboino, Quinzano, Remedello, San Felice, San Paolo, Sirmione, Tavernole sul Mella, Valvestino, Verolanuova e Villachiara. Sotto la soglia minima anche un punto prelievo a Palazzolo e un altro a Orzinuovi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nitrati nell'acqua potabile: 18 Comuni bresciani sorvegliati speciali

BresciaToday è in caricamento