Coronavirus: in Lombardia riaprono anche i centri per tatuaggi e piercing

La novità annunciata solo pochi giorni fa: pronti a ripartire con le stesse linee guida dei centri estetici. Anche a Brescia alcuni tatuatori riapriranno a breve

Via libera in Lombardia anche ai centri per tatuaggi e piercing: lo ha reso noto la Regione in una breve nota, annunciando dunque le riaperture. “In ragione dell'analogia tra tali attività e i centri estetici – si legge – i centri tatuaggi dovranno osservare scrupolosamente le linee guida riferite agli estetisti, previste dall'ordinanza n.547 del 17 maggio 2020”. In questi giorni sono attese anche le prime ripartenze in provincia di Brescia.

Centri tatuaggi a Brescia

Tra coloro che hanno già annunciato il via, segnaliamo Area Industriale Tattoo, con sedi a Brescia in Viale Venezia (vicino a Piazzale Arnaldo) e a Lovere, sul lago d'Iseo: si riparte tra il 26 e il 27 maggio. “Tutti i clienti che avevano appuntamento in questi mesi verranno ricontattati – si legge su Facebook – Come prima adotteremo tutte le precauzioni necessarie per garantire la massima sicurezza”. 

Queste alcune regole da rispettare: “I clienti dovranno presentarsi con mascherina e guanti puliti. L'accesso alla reception sarà consentito a una persona alla volta (ad eccezione dei minori): eventuali accompagnatori dovranno aspettare fuori. All'ingresso verrà rilevata la temperatura: sopra i 37,5 l'appuntamento verrà rimandato”. Si lavorerà ovviamente solo su appuntamento e prenotazione: così dice la norma. Sarà così anche al Poison Tattoo Studio di Via Rose di Sotto a Brescia, che da qualche giorno ha annunciato la riapertura.

Altre regole da rispettare

“Ci stiamo preparando per riaprire in totale sicurezza – spiegano i titolari – Ovviamente ci saranno dei cambiamenti per poter garantire la sicurezza di tutti. Sarà possibile venire in studio solo tramite appuntamento, anche per una semplice consulenza. L'acconto potrà essere lasciato tramite bonifico, Paypal o ricarica Postepay. Nel caso abbiate avuto sintomi influenzali, febbre, raffreddore o tosse nei 14 giorni precedenti all'appuntamento, vi preghiamo di ricontattarci per posticipare il tatuaggio. Per garantire maggiore sicurezza siete pregati di venire dotati di mascherina. I guanti monouso e il gel sanificante lo forniremo noi”.

Le linee guida della Regione

Si preparano alla riapertura anche Paul Tattoo Maker in Via Brescia a Travagliato e Unique Arts Tattoo in Via Trento a Brescia. Ma quali sono le linee d'indirizzo predisposte dalla Regione? Tra le tante, si segnala la misurazione obbligatoria delle temperatura corporea dei dipendenti, e a discrezione anche dei clienti. Tra le singole postazioni di lavoro deve essere assicurata la distanza di almeno 1 metro.

Le aree di lavoro, dove possibile, potranno essere delimitate con “barriere fisiche” adeguate a prevenire il contagio tramite droplet. Nelle aree del locale saranno messe a disposizione soluzioni idro-alcoliche per l'igiene delle mani dei clienti e degli operatori. Per l'erogazione di prestazioni che richiedono una distanza ravvicinata, gli operatori dovranno indossare visiera protettiva e mascherina FFP2 senza valvola.

Dovrà essere infine assicurata un'adeguata pulizia e disinfezione delle superfici di lavoro prima di servire un nuovo cliente, e una altrettanto adeguata disinfezione delle attrezzature e degli accessori. Le postazioni di lavoro dovranno essere igienizzate dopo ogni cliente, favorendo anche il regolare e frequente ricambio d'aria negli ambienti interni, escludendo per gli impianti di condizionamento la funzione di ricircolo dell'aria. Le linee guida complete sono consultabili a questo link.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Terribile tragedia: bimba di 7 mesi muore soffocata da un palloncino

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Si sente male in classe, è positivo al tampone: nuova quarantena a scuola

  • "Gentile cliente, il punto vendita chiude": 50 dipendenti scaricati con un cartello

  • Altro caso Covid a scuola, il primo sul Garda: bimbi in quarantena nella Bassa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento