Cura della persona

Quando prude la testa: rimedi naturali per combattere il prurito

Il prurito al cuoio capelluto può essere causato da una miriade di fattori, dallo stress alle dermatiti: ecco alcuni rimedi per risolvere il problema

Prudenza, quando c'è prurito: il fastidio è inevitabile quando si prova l'irrefrenabile desiderio di grattarsi i capelli e la testa. E spesso la causa non è riconducibile solo allo stress: il prurito al cuoio capelluto è un problema comune, imputabile a una miriade di fattori diversi. Ne esistono di vari tipi: può essere più o meno intenso, localizzato o generalizzato, semplicemente episodico oppure ricorrente, e continuo. Può inoltre provocare dei seri effetti collaterali, che vanno dal rossore alla desquamazione al dolore.

Quali sono le cause del prurito alla testa

Ma quali sono le cause di quel fastidioso e incontrollabile prurito? Tra le più celebri (e diffuse) sicuramente la forfora, che provoca desquamazione e successivo prurito. Ma non sono da meno le malattie della cute: a partire dalle dermatiti – tra le più comuni: la dermatite seborroica e la dermatite da contatto – fino alla psoriasi, patologia infiammatoria che si manifesta con bruciore e prurito (e che può provocare gravi danni alla pelle).

Ci sono altri fattori esterni da non sottovalutare: lo stress, citato qualche riga fa, che indebolisce la nostra forza e resistenza e dunque anche quella dei nostri capelli; l'abuso di prodotti chimici e aggressivi per la cura, il lavaggio o la colorazione dei capelli, quindi è sempre meglio affidarsi a tinte per capelli di qualità certificata.

Rimedi naturali per risolvere il problema

Se il problema persiste, o si fa consistente (e vi fa preoccupare) non è peccato, anzi, rivolgersi a un medico o a un dermatologo. Ma prima di chiamare in causa la medicina, è possibile provare rimedi naturali o prodotti “sani” per risolvere la questione. Per combattere il prurito e dare sollievo al cuoio capelluto è consigliabile eseguire regolarmente uno scrub lenitivo e purificante – come questo di Alkemilla.

Oltre ai più classici rimedi naturali, solo per citarne alcuni:

  • Tuorlo d'uovo: applicando un tuorlo (o due o tre, in base alla lunghezza dei capelli) come maschera prelavaggio è possibile ridurre gli effetti dei capelli secchi e quindi di conseguenza anche il prurito. La maschera al tuorlo va lasciata in posa almeno 20 minuti, prima di lavarsi utilizzando il solito shampoo.
  • Olio essenziale di menta: attiva la circolazione, regola l'eccesso di sebo, combatte le infezioni. Va utilizzato con il contagocce, nel vero senso della parola, onde evitare ulteriori irritazioni: lo si può aggiungere – 5 gocce ogni 100 ml – direttamente nello shampoo usato tutti i giorni.
  • Calendula: per combattere il prurito è possibile preparare un infuso con i fiori, da utilizzare come balsamo o crema, da applicare subito dopo lo shampoo senza asciugare i capelli.
  • Aloe e camomilla: per le loro caratteristiche, sono in grado di donare sollievo immediato al prurito. Anche in questo caso va fatta una maschera, mescolando tre cucchiai di gel di aloe vera con sette gocce di olio essenziale di camomilla.
  • Olio di cocco e tea tree: rimedio esotico ma sempre efficace. Di nuovo, va fatta una maschera, mescolando stavolta tre cucchiai di olio extravergine di cocco e sette gocce di olio essenziale di tea tree, applicando il tutto sul cuoio capelluto prima di andare a dormire, lasciandolo agire per tutta la notte.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quando prude la testa: rimedi naturali per combattere il prurito

BresciaToday è in caricamento