Pelle sensibile: i 5 errori da evitare

Cinque errori che è meglio evitare quando si tratta di pelle sensibile: dalla cosmetica allo struccarsi prima di andare a dormire, ecco cosa fare e cosa non fare

Ragazze e donne bresciane, a raccolta: alzi la mano chi non ha mai commesso un errore (più o meno grave) quando è stato il momento di prendersi cura della propria pelle. E’ uno degli step fondamentali di una corretta beauty routine, ed è sempre il caso di starci attente: soprattutto quando dobbiamo affrontare l’ostacolo di una pelle sensibile. Si chiama così, appunto, perché è più fragile e delicata del normale: dunque tende a irritarsi facilmente, è più predisposta a reagire negativamente agli agenti fisici o chimici (dalle creme ai tessuti), infine è particolarmente soggetta a uno sviluppo precoce di rughe e altri inestetismi.

Ma quali sono le cause della pelle sensibile? Prima di tutto l’ereditarietà. Ma è bene ricordare che una pelle “normale” può diventare sensibile anche con il passare degli anni, indipendentemente dalla genetica. Oltre a fattori costituzionali o ereditari, infatti, ci sono tantissimi elementi da prendere in considerazione: dal sole al vento, l’acqua di mare ma pure quella della piscina (e il cloro), gli sbalzi termici, l’applicazione sulla pelle di prodotti cosmetici aggressivi, ancora lo stress, il fumo e l’alcol, una dieta poco equilibrata. Ma visto che siamo in ballo, balliamo: ecco i 5 errori che si commettono più frequentemente. E che sarebbe meglio evitare.

Non fare dei test prima di introdurre nuovi prodotti

Chi ha la pelle sensibile deve fare molta attenzione quando inizia ad usare prodotti nuovi, anche se formulati specificatamente per questo problema: una buona abitudine, da seguire sempre, è quella di fare un test in una zona del corpo piccola e circoscritta, come può essere il collo oppure la parte interna del polso, e controllare la reazione al prodotto.

Il collo, in realtà, è la zona ideale per verificare la compatibilità, perché la pelle è meno spessa e per questo più reattiva: se il prodotto risulterà tollerato in questa zona, potrà essere applicato anche sul viso, senza rischi di reazioni allergiche o altri spiacevoli inconvenienti.

Non fare attenzione al nichel

Il nichel è uno dei responsabili principali di irritazioni e arrossamenti cutanei e si trova praticamente ovunque, dai gioielli alle cerniere, fino ai cosmetici e ai prodotti per capelli. Gli sfoghi cutanei da contatto diretto sono la forma più frequente con cui si evidenzia l'allergia al nichel: è importante quindi evitare di indossare bijoux o accessori che potrebbero irritare maggiormente la pelle.

Non prestare attenzione ai prodotti utilizzati

Utilizzare prodotti non in linea con le esigenze della propria pelle è un errore molto comune, che comporta principalmente un problema di idratazione: o troppa o troppo poca. Per riuscire a individuare i prodotti beauty appropriati, è bene iniziare individuando il proprio tipo di pelle:

  • Per la cute grassa è necessario optare per gel e fluidi leggeri sebo equilibranti, che idratano e, allo stesso tempo, opacizzano.
  • Se la pelle è secca, va nutrita con creme dalla texture corposa, che impediscano il più possibile la dispersione dei liquidi e l'impoverimento del film idrolipidico; da evitare, invece, i detergenti schiumogeni ad acqua.
  • La pelle sensibile necessita di prodotti dalle formulazioni lenitive e delicate.
  • Per la pelle normale, infine, è bene scegliere i prodotti cosmetici in base al clima: più leggeri in estate, più consistenti in inverno.

Andare a dormire senza struccarsi

Andare a dormire senza struccarsi è un'abitudine molto dannosa, che comporta una serie di problematiche, come una pelle sempre più spenta e opaca e l'insorgenza, o l'aumento, di pori dilatati e impurità, compresi acne e brufoletti. Inoltre, l'abitudine di non struccarsi la sera porta alla formazione di irritazioni, arrossamenti e progressive rughette sul contorno labbra e occhi, oltre a seccare la pelle e velocizzarne l'invecchiamento. 

Esfoliare troppo

L'esfoliazione è sicuramente un momento importante della propria beauty routine, ma se si soffre di pelle sensibile può essere un'arma a doppio taglio: se da un lato, infatti, fare un bello scrub al viso pulisce la pelle e libera i pori, esagerare con questa pratica può portare la pelle a produrre più sebo, e quindi alla formazione di imperfezioni, o a una sensibilizzazione ulteriore, che si manifesta con infiammazioni e arrossamenti. Per evitare di sbagliare, è importante prediligere il gommage allo scrub, meglio se con microsfere, da eseguire1 volta alla settimana se la pelle è normale o secca, due volte se invece tende al grasso

Pelle sensibile: test e analisi a Brescia

Per tutte coloro che volessero togliersi il dubbio, al di là dei test con i prodotti beauty, è consigliata anche una verifica medica. Si può cominciare con l’analisi della pelle (e anche dei capelli) che offrono numerose farmacie, anche bresciane. Oppure si può fare un passo in più, e prenotare una visita dermatologica per verificare eventuali problematiche legate proprio alla pelle: solo per citarne un paio, è possibile prenotare una visita ad esempio nei reparti di Dermatologia del Civile, oppure alla Poliambulanza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento