Prova costume: boom di richieste di interventi estetici

Pronti per la prova costume: finito il lockdown, è di nuovo boom di richieste di interventi estetici. Ma quali sono le regole da rispettare in clinica?

L'estate è ormai arrivata, allo scoccare del 21 giugno: e gli italiani (e i bresciani) vogliono tornare in spiaggia, anche al lago, ma vogliono farlo soprattutto in forma. I dati parlano chiaro: più di 1 italiano su 3 (il 39%) è preoccupato per la prova costume post lockdown, come spiega Coldiretti. Inoltre, fin dai primi giorni della Fase 2 (dati Adnkronos) si è registrato un aumento di richieste di interventi estetici. 

Negli ultimi giorni, proprio per rispondere a queste esigenze, Sicpre (la Società italiana di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica) ha stilato un vademecum sulle misure necessarie per tornare a usufruire delle cliniche estetiche in sicurezza. Abbiamo chiesto allora al dottor Dario Bazzano, chirurgo estetico esperto in laser terapia e laser chirurgia, cosa dovrebbe sapere il paziente per capire se la clinica cui si rivolge sta rispettando le raccomandazioni a tutela della salute.

No alle sale d'attesa affollate

Innanzitutto, le raccomandazioni prevedono che ogni paziente debba essere ricevuto su appuntamento e che il giorno prima debba essere fatto un triage telefonico all’interessato. Durante il triage si indagherà se negli ultimi 14 giorni il paziente ha avuto sintomi che possano essere ricondotti al Covid-19 o se ha frequentato luoghi potenzialmente a rischio. Questo approccio nel ricevere il paziente è il primo segno che permette di capire se una clinica sta adottando le corrette misure.

Ingresso del paziente e oggetti personali

Ogni paziente, all’ingesso della clinica, si troverà ad accedere alla zona dell’accettazione o della segreteria. Qui sarà misurata la temperatura con termo-scanner, saranno depositati mascherine e altri effetti personali (oggetti potenzialmente contaminati) in una zona dedicata e in un apposito contenitore igienizzabile o usa e getta. Si procederà quindi all’igienizzazione delle mani e alla dotazione dei corretti Dpi (Dispositivi di Protezione Individuale) al paziente. Se quest’ultimo verrà fatto accomodare in sala di attesa, dovrà provvedere a igienizzare nuovamente le mani prima di accedere alle aree operative. "Quella appena descritta è una procedura raccomandata, ma che io riterrei standard per l’accesso alle cliniche", spiega Bazzano.

Lavorare in sicurezza: i Dpi del personale

Un segno indicativo sull’utilizzo delle corrette raccomandazioni di tutela, che è possibile verificare immediatamente all’ingresso delle cliniche, è la dotazione di protezione individuale del personale di segreteria della clinica. Se quest’ultimo non dovesse avere contatti lavorativi con i pazienti, i Dpi necessari saranno mascherina chirurgica e guanti. In caso di contatti la situazione è differente. Infatti, le dotazioni raccomandate aggiuntive sono: camice e calzari monouso, copricapo e protezioni oculari. Essendo al corrente di queste raccomandazioni, un paziente può capire immediatamente se la clinica sta garantendo la salute del suo personale non sanitario e dei suoi pazienti.

Attenzione alle mascherine dei sanitari

Quando si incontrerà il personale sanitario si dovrà tenere conto che i Dpi consigliati sono le mascherine filtranti (FFP2 e FFP3), questo tipo di dotazioni è l’unico in grado di garantire la protezione del sanitario e dei suoi collaboratori dal rischio di contagio. Inoltre vi saranno, per completare la protezione del capo, gli appositi occhiali, visiere o schermi facciali per la protezione oculare e il copricapo. Guanti, camice idrorepellente monouso e i calzari sono gli altri dispositivi raccomandati. Se un sanitario dovesse entrare in contatto operativo con voi senza questo tipo di protezioni non starebbe garantendo la sua salute e quindi nemmeno quella dei propri pazienti.

Responsabilità e rispetto anche dopo la visita

Al termine delle cure, si raccomanda che il paziente torni nell’area della segreteria dotato della mascherina indossata al suo accesso e che qui effettui l’igienizzazione delle mani prima di sostare nella reception o di procedere al pagamento. Si ridaranno gli effetti personali lasciati all’ingresso della clinica solo quando il paziente starà uscendo dalla stessa. Queste ultime accortezze garantiranno un ambiente salubre anche ai successivi pazienti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Il figlio non risponde, è a letto privo di sensi: giovane medico in fin di vita

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

  • "Gentile cliente, il punto vendita chiude": 50 dipendenti scaricati con un cartello

  • Altro caso Covid a scuola, il primo sul Garda: bimbi in quarantena nella Bassa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento